Quei trucchetti della Goldman...

Ancora una volta Goldman Sachs, ha operato con derivati per mascherare il vero
debito della Grecia (articolo del New York Times online, di cui nessuno ha parlato più di tanto, come se fosse normale che una banca trucchi i conti di un paese dell'Europa e comprometta il bilancio europeo, solo per suoi vantaggi). Le solite porcate cui siamo abituati da tempo, e non solo alla Goldman americana ma anche in italia, tramite i ministri e dirigenti che hanno lavorato alla Goldman, campioni a casa loro di trucchetti da quattro soldi. (sulla lista c'è anche il tombeur de famme Mario d'Urso, ora pensionato e grande amico, dei naturalizzati pariolini coniugi Bertinotti). Uno per tutti, Romano Prodi, ma non dimentichiamo Mario Draghi, che nel 95- 98, ha messo a punto con il bilancio italico i trucchetti appresi
 alla Goldman. Non è un uomo Goldman il ministro Tremonti, anche se era con Draghi sul Britannia; oggi credo che il quotato ministro italico in quel d'Europa stia cambiando linea di amicizie interne e la cosa non mi sorprende, quando annuncia che tra due anni (ci sarà sempre lui? forse è più ottimista di me) proporrà Draghi. Comunque, prima di dire che mi sono bevuto la storiella di un anticipo contabile da 9 miliardi di euro, aspetto. A pensar male si fa peccato ma a volte...
Adesso vogliono mettersi a far pagare le tasse anche a chi dichiara 100 euro e compra la porsche; ma via, ministri di Berlusconi, vogliamo bloccare l'economia?
Ah, mi dite che abbasserete le tasse di 5-8 punti e poi le farete pagare a tutti. Va bene, ma solo se mi assicurate che metterete all'opera Brunetta: il suo lavoro con i fannulloni e con i bamboccioni è impagabile: solo se c'è lui ci credo.