Cura Disturbi Alimentari Potenza, Dottoressa Giovanna Viggiano, un caso giudiziario.

Ospedale San Carlo   Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
 Azienda Ospedaliera   Indirizzo : Via Potito Petrone SNC - 85100
Località : Potenza  Fondazione : 2 ottobre 1810 Posti letto : 942[1]
Numero annuo ricoveri : 36.000 Durata media ricoveri : 9,1gg Impiegati: 1.500
Patrono : San Carlo Borromeo  Direttore generale : Ing. Giovanni De Costanzo
Direttore sanitario : Dott. Agostino Pennacchia  Direttore amministrativo : Dott. Antonio Pedota  Telefono : +39 0971 61 11 11  Pronto soccorso : +39 0971 61 36 55 (Caposala)
E-mail : urp@ospedalesancarlo.it
L'Ospedale San Carlo di Potenza è uno dei migliori ospedali del Mezzogiorno e a livello nazionale, per le strutture e i macchinari che possiede[2], ed anche uno dei più estesi, con 942 posti letto (il Policlinico Umberto I di Roma ne possiede 1.337); è situato nella zona ospedaliera della città, nel Comitato VIII di Macchia Romana.

 Centro per la cura dei Disturbi Alimentarie del Peso G. Gioia di Chiaromonte per la cura dell’Anoressia, Bulimia eBed (disturbo da abbuffate compulsi-ve). Tutto il sistema sanitario erogato a Chiaromonte si caratterizza come Polo del Sorriso essendovi allocati anche la Residenza Sanitaria Assistita(RSA), il Centro per il Gozzo e quello per l’Alcolismo. Come nasce il Centro DCA di Chiaromonte lo racconta con particolare commozione il dott.Mario Marra, Direttore Generale del-l’ASL n3 di Lagonegro: «nel 2005 proprio a Chiaromonte ho incontrato i coniugi Gioia che mi hanno racconta-to le proprie vicissitudini, il problemadella loro figliola, i patimenti, le soffe-renze ed il dispendio economico chene conseguiva. E chiedevano aiuto alleistituzioni ed in particolare, alla no-stra Azienda. Quando poche settima-ne dopo ho cercato di rimettermi incontatto ho saputo della scomparsadel Sig. Giovanni. Tale evento che mi ha provocato una intensa emozione è stata la scintilla da cui è nata l’idea di istituire, a Chiaromonte un centro per la cura di queste devastanti pa-tologie, nel rispetto della program-mazione regionale che prevede ne-gli ospedali distrettuali la possibilità di allocare servizi innovativi. Ed è perquesto che il Centro, inaugurato dopo poco meno di un anno da quell’incon-tro è intitolato al Sig Gioia. Era quel-lo forse un segno del destino e noi ciauguriamo che esso possa restituire“gioia” ai ragazzi che saranno ospitati ed alle loro famiglie. Nulla però è rea-lizzabile se non con l’impegno perso-nale, la passione per il lavoro e l’amo-re per il prossimo. Ed io ho assistito ad una vera e proprio gara in questo senso. Preziosi ed insostituibili sonostati la disponibilità, la carica, l’affet-tuoso incoraggiamento ed il gratuito supporto degli amici dell’Umbria, diTodi diretti da quella persona speciale che è la D.ssa Dalla Ragione, (cui pos-so solo dire un immenso grazie che estendo ovviamente al collega Diret-tore dell’ASL di Perugia), la fiducia del sindaco Luigi Viola che ha creduto nel progetto e l’immediato assenso al-l’iniziativa fin dai primissimi momentidell’Amministrazione Regionale nellapersona del Suo Presidente Dottor De Filippo dell’Assessore Colangeloe della struttura del Dipartimento Sa-nità che ho avuto l’onore di dirigere e che oggi è ottimamente diretta dal Dottor Giuseppe Montagano».Le attività sono state avviate da cir-ca sette mesi quali sono i primi risul-tati?Sono già uscite sette ragazze conbuoni risultati terapeutici, relativi aproblemi di Anoressia e Bulimia e at-tualmente al Centro vi sono 16 ospiti in Unità di degenza residenziale ossia riabilitativa psiconutrizionale a carat-tere intensivo per una permanenza che va dai tre ai cinque mesi. Vi sonopoi 10 posti letto in Unità di degen-Il direttore generale dell’Asl 3,Mario Marra
--------------------------------------------------------------------------------
Page 21
21La medicina è fatta di tre cose: la malattia, il paziente e il medico; quest’ultimo è il servo dell’arteIppocrateza semiresidenziale riabilitativa psi-conutrizionale a carattere intensivoper Altre informazioni: www.asl3lagonegro.it
Free Image Hosting at www.ImageShack.usFree Image Hosting at www.ImageShack.usFree Image Hosting at www.ImageShack.usFree Image Hosting at www.ImageShack.usFree Image Hosting at www.ImageShack.usFree Image Hosting at www.ImageShack.us

Ecco, si dirà, finalmente le cose vanno bene: un'unione fantastica tra amministratori locali, medici, psicologhe, infermiere, preti, suore e uomini e donne di pace e buona volontà. Insomma di tutti. Bravi. Ma ecco, questa che segue sotto, a cosa si riferisce? L'ospedale ha dichiarato che la Dottoressa Giovanna Viggiano non è una dipendente della struttura. Siamo confusi. Insomma, chi la pagava? Io no, voi che leggete nemmeno, e allora? Aspettiamo a breve il processo, così almeno a questa domanda si avrà forse una risposta.

Anoressic Park, inizia il processo  Potenza - Luglio 2008
Le indagini sul Centro per i disturbi alimentari dell’Ospedale San Carlo di Potenza sono state lunghe e macchinose. Fra i diversi procedimenti giudiziari, i più importanti sono due: il primo curato dal Pm Henry John Woodcock (indagine della Guardia di Finanza), il secondo dal Pm Claudia De Luca (indagine dei Carabinieri). A conclusione delle udienze preliminari relative al primo procedimento, la psicologa dirigente del Centro ospedaliero, Giovanna Viggiano, e altre sei persone, fra cui i responsabili dell’Associazione Jonathan che organizzava l'accoglienza, sono state tutte rinviate a giudizio lo scorso mese di marzo. Il processo doveva iniziare il 18 giugno, ma l’udienza è stata rinviata ai primi di ottobre: sarà questo l’ultimo giorno utile per le persone che, ritenendo di aver subito un danno, volessero costituirsi “parte civile” per ottenere un risarcimento dai responsabili. E mentre a Potenza il Centro ospedaliero chiudeva nel 2004, la dottoressa Viggiano continuava la sua attività professionale nella Asl di Bari, precisamente a Gravina, dove qualcuno ha cercato di promuovere finanche una raccolta di firme on-line a sostegno della psicologa perchè, secondo quanto scrive il promotore stesso nel sito www.firmiamo.it, sarebbe stata sospesa ingiustamente dal servizio. Qualcosa di simile avvenne a Potenza, quando si mobilitarono diverse famiglie e pazienti agguerrite, aderenti all’associazione Jonathan, per opporsi prima alla riorganizzazione, poi alla chiusura del Centro ospedaliero, e un'altra volta nel 2005, quando, dopo l’arresto della stessa psicologa, sette ex pazienti o pazienti seguaci inviarono una lettera aperta ai quotidiani locali per difenderla a spada tratta, affermando:  “Ci ha salvato la vita!”.

Dott. Alfredo Lorenzi Viareggio
psicologia infantile e dell'adolescenza
Viareggio Lucca 338 9088110
alfredolo501@libero.it
Laurea in Psicologia indir. Sviluppo infantile - Firenze
Laurea in Biologia indir. psicofisiologico - Pisa
Area dei ritardi e disturbi pervasivi di sviluppo materno infantile
Ricercatore a Biosincr Basilea - Swiss
Visiting research at Davis Institut Ucla - California
Autore di studi e rcensoni, e di un volume in inglese:
Violent Behavior Psychology, 2005 Amear NY.
Primo cap. italiano http://www.scribd.com/full/23350005



Un night più che un centro di cura dell'anoressia: violenza sessuale
CiaoComo (Abbonati gratuitamente) | 24/07/2007
E' questa l'accusa sulla quale indaga la Procura di Como nei confronti del contestato guru ticinese Waldo Bernasconi. Indagato con le stesse imputazioni anche l'ex presidente del Forum Crisalide Billari.


anonimo
27/07/2007 - 21:24
sono tutte cazzate
io ci sono stata quasi 7 mesi e grazie a Piero Billari ed al Prof.Waldo Bernasconi sono guarita e vivo una vita felice e serena.Nessun abuso sessuale chi parla male e' un ignorante che non ha capito nulla dei disturbi alimentari e delle ossessioni che creano
Rispondi al commento


anonimo
29/07/2007 - 18:12
In risposta a: anonimo - 27/07/2007 - 21:24
Ignorante sarai tu!
Beh,a te e'andata bene....ma non puoi giurare ke quello scitto e detto da tante ragazze (come anke me!)e' falso. Cara,forse il transfer per waldo o per piero ti ha un po' distratto dalla realta'!


anonimo
31/07/2007 - 21:42
ignoranti?
son tutte cazzate perke evidentememente non eri il tipo attraente ke piace a sti due soggetti.perke tutti e 2 andavano con ragazza ricoverate.quindi taci perfavore.solo ki ha provato puo'parlare.
Rispondi al commento


anonimo
01/08/2007 - 22:35
sarai una delle sue adepte. taci e guarda i fatti
taci per favore. una ragazza è morta suicida, io sono stata sul punto di farlo. ti dirò di più. il mio ragazzo era venuto a trovarmi dopo 3 mesi e gli chiesi se tutto ciò che pensavo su quel posto fosse solo una mia idea. lui ha avuto in due gg la stessa impressioni. a me waldo disse che gli facevo sesso al primo colloquio. fui incitata a masturbarmi dvanti a tutti e un giorno, durante un "gioco di gruppo" mi fecero spogliare e toccare dai presenti, uomini e donne comprese e c'era qualcuna ke ne godeva. quando decisi di andar via m volevano togliere la capacità di intendere e di volere e quando sono uscita da quella setta mi urlarono che non sarei mai guarita, questo x dirti alcune cose. ah le ex malate che erano operatrici non erano ex malate, ma alcune di loro avevano sintomi evidentissimi della malattia oppure erano passate da una dipendenza all'altra (erano plagiate da quei due porci). Mi dispiace doverti dire che non hai aperto gli occhi. forse è st meglio per te... ma appartieni o alla categoria di quelle che lo hanno amato e ancora dipendono da lui oppure alla categoria di quelle che non erano abbastanza attraenti x lui. stai attenta a ciò che scrivi. ricorda ke anke tu 6 st malata e abbi rispetto di quello che viene scritto da chi si è accorto, da chi è consapevole. mi spieghi perchè ci sono così tante persone che scrivono le stesse cose? e perchè daniela avrebbe scritto quelle cose sul diario? a te è andata bene perchè eri facilmente plagiabile, perchè avrai tenuto un comportamento che a loro andava bene, ti sei fatta sottomettere. io no e x me è st un inferno. leggi l'inchiesta del giornalista di varese... il tuo waldo non è neppure abilitato all'esercizio della professione di psicoterapeuta e le sue lauree sono tutte fasulle. quando io ero là c'era una poveretta che l'anno prima era stata la sua amante e l'aveva messa in cucina apreparare da mangiare per noi e lei viveva nella speranza di una sua parola di un suo gesto. quando veniva da noi, l'egregio prof waldo non la degnava neppure di uno sguardo, perchè ne aveva un'altra bionda che gli faceva da segretaria. ma come hai fatto a non vedere nulla?
Rispondi al commento


anonimo
02/08/2007 - 00:58
io son stato a Sanavita....
ok tu 6 guarita ma Daniela non la hai conosciuta....a te sembra giusto che Bernasconi abbia messo la lingua in gola a sta ragazza o che Piero addescava ragazze tramite il nr° verde visto che li conosci? E' giusto che Bernasconi abbia lasciato a casa la Daniela con manie suicide e che non abbia fatto nulla, il Prof...la ragazza andava bene solo per i suoi giochetti, e fai conto che è sposato e già altre pazienti,durante la sua terapia erano amichette...a te è andata bene, ma x loro e se fosse capitato a te una cosa del genere? E' giusto che paghino per queste oscenità...
Rispondi al commento


anonimo
02/08/2007 - 01:26
In risposta a: anonimo - 31/07/2007 - 21:42
io ho provato
Io ho provato, ho vissuto a Sanavita, ho conosciuto la Daniela Serafinelli, il Prof. Dr. Waldo A. Bernasconi, Ph. D..il Dr. Piero Billari, Isaac George, la Dottoressa Silvia Agoletti, etc..tutti titoli falsi, se vuoi possiamo continuare all'infinito con i nomi di finti terapeuti, pazienti, stagiste sfruttate costrette a lavorare oltre 15 ore al giorno. Ma quello che fa + incazzare è che tu sarai fortunata ma quante di quelle regazze/i passati da quel posto sono veramente guariti? Credi alle percentuali date dal Prof. (guariscono 7 ragazze su 10)? Alle sue visioni? Credi ai fatti!!!! alle ragazze che si son buttate dai balconi,chi si è tagliato le vene,chi si è buttato dalle finestre, per non parlare degli abusi fisici e psichici...x cui ringrazia pure il Prof che ti ha salvato, ma reputati fortunata perchè la Daniela è stata lasciata a casa a morire....e poteva capitare anche a te....povera Daniela violentata da sto pezzo di merda...edil bello che sto presunto dottore la voleva curare tramite una finta relazione, da NASCONDERE AI SUOI GENITORI, le voleva far provare l'amore e farglielo capire...l'ha violentata ed ammazzatta....povera Daniela


anonimo
02/08/2007 - 23:06
denunciamolo tutte quante. telefonate in procura a como
ragazze, un modo c'è. Daniela, come tutte noi del resto, deve avere giustizia. Per una volta che in italia viene scoperto e reso noto qualcosa facciamo si che il processo vada avanti e che bernasconi, billari, silvia kate e isaac george (destinato a fare il maggiordomo nella vita e nella fiction - "ragazzi della 3a C...) vengano puniti. Loro sono peggio del male, sono peggio del diavolo. Forse rappresentano la nostra malattia... Anche loro sono subdoli, ingannano, danno false speranze. Telefonate in procura chiedete di chi si occupa del caso bernasconi (pm Fadda) E RACCONTATE LA VOSTRA STORIA. che è uguale alla mia a quella di daniela per far si che non ci siano altre daniele. é facile andate su google digitate procura di como e prendete il num degli uffici giudiziari. tutte insieme riusciremo a farlo condannare. Vi rendete conto che faceva la promozione su canale 5? e la capua ne era testimonial? è facile dire basta. sarà una rivincita per chi è guarito o per chi non lo è. io andrò a testimoniare e sarò felice di guardare negli occhi quei bastardi. un bacio ai genitori di daniela.
Rispondi al commento


anonimo
05/08/2007 - 09:38
ci sono stata
SONO TUTTE CAZZATE? !? attenzione non esagerare, in un senso o nell'altro. ero dentro 6 anni fa. Sono guarita. Ma lui ha abusato anche di me. Non so se sia il caso di parlare di DIAVOLO e di MALE... mi sa che si corre il rischio di sembrare invasate e poco attendibili. Piero Billari e Bernasconi sono senz'altro delle persone disturbate. E MERITANO DI PAGARE, testimonierò anche io infatti. Mi reputo fortunata, perché ce l'ho fatta malgrado tutto però tante cose non si dimenticano. Leggendo i brani del diario di daniela pubblicati, sembra quasi di leggere il mio di quegli anni. Questa cosa mi ha messo i brividi. Per chi non lo sapesse kate é andata via anni ed anni fa, perché non era più d'accordo con i metodi di WB. Quando ero dentro io ha sempre cercato di difendermi da lui quando si é accorta. Questa naturalmente é la MIA esperienza, ma credo sia giusto che ognuno esprima la sua, alla procura. Anche perché so che lui le sue testimonianze a favore le ha e sarebbe ignobile se ci fosse solo una campana a parlare.
Rispondi al commento


anonimo
07/08/2007 - 10:34
non hai idea delle mail nei vari blog che lo denunciano
basterebbe solo il fatto delle lauree fasulle. Sono contenta di sentire che kate se ne sia andata. Ma con me si è comportata malissimo. Pensa a Daniela. Guarda che ci sono omicidi e truffatori che ammazzano o truffano anche una sola volta e questo contribuisce a renderli colpevoli. Il suo è un delitto, una persecuzione, un plagio portato avanti per anni e francamente me ne infischio delle persone che testimonieranno a suo favore. Di certo si è messo una grande quantità di soldi da parte ed è ancora abbastanza potente da trovare testimoni a suo favore. Solo per Daniela io mi chiuderei la bocca e cercherei di fare di tutto per accusarlo, persino andare a como in procura a settembre. Per me rivedere la sua faccia in tv è stato orribile e ho avuto una crisi di panico impressionante (nota che non me ne venivano da anni). La campana è una sola: Waldo Bernasconi è un delinquente e come tale và punito. Io sono contro la pena di morte, ma lui la meriterebbe. Tornata da crisalide pesavo 32 kg, quando entrai ne pesavo 4 in più. Per un anno sono st convinta di non poterne più guarire e la malattia stava diventando cronica, anche perchè loro, quando decisi di dimettermi, dissero (a me e ai miei genitori) che non ne potevo più guarire perchè ero debole. Ti sembra giusto o etico o professionale questo? Tu certamente sei poco credibile... dici che lui ha abusato di te e al contempo dici di sentire entrambe le campane... come fai a difenderlo. Tu sei guarita, felice x te, ma di certo non grazie a lui... che ha anche abusato di te. Forse a te, come per altre, il suo metodo andava a genio. Mi dispiace essere scortese, ma questa è la mia verità e quella di tante altre ragazze. Hanno dato la notizia al tg 5. Allego la mail che mi hanno inviato "Forse questo le potra' essere utile: Le Fiamme Gialle di Como hanno lanciato un
appello perche' diano conto della loro esperienza "tutti coloro che
desiderino rappresentare eventuali loro vicende legate ai fatti
e alle persone oggetto dell'attuale indagine penale": possono
farlo anche utilizzando il numero telefonico 331.4616006,
appositamente messo a disposizione dal Comando Compagnia della
Guardia di Finanza di Como.
Rispondi al commento


anonimo
11/08/2007 - 19:07
Denunce Penali
Ciao a Tutti.Mi chiamo Luca, il mio nome è di fantasia, per difendere la mia Privacy. Sono stato alla Clinica SanaVita 3 volte a trovare una carissima amica ricoverata li. Ho subito notato delle cose strane ma, visto che la mia amica dava dei segni di miglioramento.... ho vissuto una festa di capodanno e ho le foto di balletti molto Hot (ragazze costrette a spogliarsi al centro della sala piena di persone (Uomini e Donne).
La mia amica dopo molti mesi in clinica è uscita e non ha risolto nessuno dei suoi problemi.
Invito tutti quelli che hanno informazioni utili ad informare il magistrato e le forze di polizia.


Luca
Rispondi al commento


anonimo
21/08/2007 - 10:14
un amico
sono un amico di Daniela e la scoperta di tutto cio' mi ha un po' scioccato,vi prego ragazze, ragazzi chi siete... fate giustizio, questo è il mio unico appello.
Rispondi al commento


anonimo
04/09/2007 - 19:30
vecchi ricordi
per caso mi sono imbattuto in questo sito, ho googlato il nome di Daniela e ho scoperto tutto questo inferno. Dani è stata mia compagna di università per un anno (chi la conosce sa che aveva cominciato Giurisprudenza in Bocconi nel 2002 e l'ha lasciata nel 2003 proprio a causa della malattia). L'ultima volta che ci siamo visti è stato per l'esame di diritto pubblico, poi per un periodo lunghissimo (oltre un anno) non sono riuscito ad avere sue notizie. Nel 2004 abbiamo ricominciato a sentirci per telefono, qualche volta, e ogni volta che chiedevo notizie sulla sua malattia e sul suo stato ne ricevevo in risposta solamente lunghi silenzi. Credevo fosse perchè non voleva parlarne, ma poi oggi ho visto tutti gli articoli di giornale e il video della TSI con il filmato dei suoi genitori e mi verrebbe voglia di prendere il fucile e sparare: come si fa, come ci si può approfittare di una persona così e prendere in giro una famiglia che già anni prima aveva perso un figlio in un incidente stradale? Quel fratello che Daniela amava, a tal punto da utilizzare anche il suo numero di cellulare pur di sentirselo vicino. Ora vivo in Belgio, esattamente dal giorno in cui Dani non c'è più, e mi piace pensarla a lezione al secondo banco dell'aula Zappa a scambiarci gli appunti. Ma chi ha fatto questo, deve pagare. E salato. Non credo che la mia testimonianza possa servire perchè in fondo non conosco le vicende, ma aver perduto un angelo così per una tale merda non può restare impunito. Io capisco chi è guarito, capisco che alcuni possano aver ricevuto un "trattamento" differente, ma approfittarsi coscientemente di una ragazza malata e in cerca d'aiuto solo per soddisfare i suoi giochetti da maiale non può passarla liscia. m.sberna@gmail.com
Rispondi al commento


anonimo
11/09/2007 - 16:33
più punti di vista
Sono stata a sanavita e sono guarita, ero una delle adepte, come molte hanno riportato, ma nessuno mi ha mai toccata se non lo volevo, e nessuno mi ha mai fatto fare cose se non le volevo fare. Chi le ha fatte e crede di non aver avuto scelta io credo che stia mentendo a sè stesso. E' morta una ragazza e questo mi addolora molto. Se qualcuno ha commesso reati è giusto che paghi, ma credetemi molte ragazze e ragazzi stanno bene grazie a sanavita e come io riconosco che magari per taluni è stato un incubo, devo riconoscere anche che per altri è stata un'esperienza meravigliosa che ha creato solo vita e gioia. Capisco i vostri accanimenti (non credo affatto che anoressiche e bulimiche siano deboli, credo che facciano sempre solo finta di esserlo!), ma mettetevi anche voi in discussione...quello che vi è stato insegnato e che potete dire NO quando lo desiderate, non credete che alcuni esercizi servissero proprio per farvi dire no???!!! Non è una terapia così semplice da intendere, credo che il grosso problema sia sempre stato questo...mi spiace che parliate così di un'esperienza che per me è stata VITA! Mi spiace che la gente mi chieda "sei stata proprio in quel posto anche tu?" è umiliante...umiliante perchè ciò su cui gettate fango a me ha fatto bene...è ovvio posso parlare per me e per molte del mio gruppo ma non per tutti. Non siate così feroci con chi dice che sanavita è stata utile per loro, cercate di dire la vostra, ci mancherebbe, ma fatelo con un po' di decenza e rispetto verso chi deve la vita alla terapia. Ci tengo a precisare che non sono un tipo manipolabile, anzi...questo per dirvi che nessuno mi ha plagiata o costretta a dire cose che non voglio dire, sono grande di età, ho famiglia...ma ripeto ero una delle adepte all'epoca, anche corteggiata se devo dirla tutta...ma forse io ho usato la terapia e ho detto di no (come potrebbe succedere nel mondo che ci circonda) e nessuno è andato oltre il mio no (per me era un elemento terapeutico da sfruttare il NO)! Chi ha detto si, forse voleva proprio farlo...ripeto non credo nella debolezza di anoressiche e bulimiche e neppure nella loro vulnerabilità...certo è facile nascondesi dietro ad esse quando non si sa come uscirne. Per la povera Daniela non ci sono parole, solo tanta tristezza...ma è anche vero che nessuno viene obbligato ad uccidersi. Abbiate cura di chi non la pensa come voi, non è nè pazzo, ne plagiato, ne deficiente. grazie se mi avete letto fino in fondo
Rispondi al commento


anonimo
15/09/2007 - 21:02
A proposito di setta, sapete cos'è una PSICOSETTA?
Date un'occhiata a questo sito: www.assotutor.it
Rispondi al commento


anonimo
17/09/2007 - 10:32
In risposta a: anonimo - 11/08/2007 - 19:07
Ma tu che consigli queste cose ad altre persone, ne hai parlato con la guardia di finanza, oppure la procura? Io so che hanno istituito un'utenza telefonica da contattare nel caso in cui delle persone abbiano delle notizie utili. Mi permetto di fornirtela nel caso in cui tu non ce l'abbia. Una mia amica li ha chiamati per testimoniare la sua esperienza negativa.


anonimo
22/10/2007 - 15:18
quando il processo?
Qualcuno ha novita' riguardo l'inchiesta?? Sapete per caso quando ci sara' il processo?? Sarei davvero grata a chi avesse informazioni da aggiungere qui. Ormai sembra che nessuno ne parli piu'. Forse era solo una bolla di sapone..forse chi come me non ne è uscita preferisce dare la colpa a loro piuttosto che ammettere di aver fallito..dietro tante parole pesanti e accuse chi come me è stata a Sanavita sa che qualcosa di buono c'era..qualcosa..Grazie
Rispondi al commento


comeilsole
22/10/2007 - 15:39
In risposta a: anonimo - 07/08/2007 - 10:34
di quali blog parli?
A me pare che solo qui se ne parli in questi termini,,mi dai un link??


anonimo
11/11/2007 - 21:47
Io sono stato a C.A.S.A.D.A.P. a MComo nella Cascina Respaù per una settimana + 3 giorni di "workshop" dopo un mese.
Inutile dire che l'unica soluzione che mi veniva proposta era quella del ricovero a SanaVita.
Dissi di no, anche perchè ero in procinto di iniziare (finalmente) un lavoro fisso.
Mi fecero mille paranoie sul fatto che non volevo guarire (e questo è il male di chi ha disturbi alimentari), e forse avevano ragione, ma non per questo era forzoso il fatto di andare a Lugano.
Ho seguito i corsi di Isaac George e dei vari pseudo-terapeuti.
Niente di osé, anche se qualche carezza con una ragazza in particolare l'ho fatta e ricevuta.
L'impressione è quella che Bernasconi fosse un guru che elargiva oro colante dalla bocca e che tutte fossero lì con le mani giunte ad abbeverarsene.
Una ragazza che ho conosciuto (di Como) ha passato giorni di inferno tra l'euforia dell'aver deciso di andare a SanaVita e la disprazione dell'averci ripensato.
Le è stata prospettata l'unica via d'uscita: lasciare la figlia di 2 anni e la famiglia tutta.
Era in estasi per Billari, e ha litigato parecchio col marito e con la famiglia.
Non l'ho più sentita, anche se ho provato a contattarla di nuovo.
Per quanto riguarda me, non sono affatto guarito, e d'altra parte non è pensabile poterlo fare in una settimana, ma ringrazio Dio di aver avuto il grano salis di aver deciso di NON ANDARE A SANAVITA.
Un'altra ragazza (pugliese) che ho conosciuto era stata a SanaVita e ci faceva un po' da "maestrina" portando a noi tutte le migliorie che diceva di aver ricevuto da quel trattamento.
Era dolcissima, è vero, ma dopo aver speso non so quante decine di migliaia di Euro, era rimasta senza lavoro, e qui arriva la furbizia di Bernasconi.
Le era stata infatti proposta l'assunzione presso una biblioteca di Bernasconi stesso a Lugano.
Lei avrebbe dovuto lavorare lì e cercare di ricostruirsi una vita.
Bello, no?
Peccato che non c'era nessuno stipendio.
Infatti Bernasconi l'avrebbe fatta alloggiare gratuitamente assieme ad altre ragazze in un appartamento di proprietà a Lugano: questa era la "paga" per il lavoro.
Di fatto, l'ho salutata alla stazione di Como, io in partenza per tornare a casa, lei in partenza verso un nuova vita.
Le ho lasciato il mio braccialetto bianco-nero "stand up, speak up" e lei il suo accendino.
Non so come stia.
Io vorrei fare azione legale perlomeno per riaverei soldi spesi, ma mi è stato sconsigliato in quanto non è imputabile a Bernasconi il fatto che non sia guarito.
Allora ho chiesto se era possibile fare qualcosa per il millantato credito.
Mi è stato risposto che sarebbe possibile se si formasse un'associazione di consumatori, ma con tempi MOLTO lunghi, e comunque con risarcimenti "a cascata", dai più ingenti fino ai più esigui.
Comunque sono in contatto con la giornalista del TG5 che ad agosto ha mandato in onda il servizio.
Dovrei richiamarla al cellulare in quanto secondo lei se ci mettiamo tutti insieme esce fuori un caso nazionale tipo Wanna Marchi.
Ci sto pensando...
Rispondi al commento


anonimo (non iscritto)
09/05/2008 - 22:28
incubo
io ci sono stata, 6 anni fa...ero una delle preferite da lui..sono stata plagiata dal finto dottore che con il suo modo di fare riusciva a inculcarti in testa una filosofia di vita priva di qualsiasi principio etico....interi mesi senza vedere i miei che oltretutto pagavano fior di quattrini con l'illusione di vedere una figlia guarita...il night, i suoi baci, il Sig. Billari che aveva relazioni con le pazienti ed il tutto mascherato dalla finzione che quella era la terapia...si era la terapia di due vecchi pervertiti...vorrei cancellare i ricordi di quei mesi non vissuti, vorrei riavere i miei soldi per restoituirli ai miei che hanno fatto duri sacrifici e vorrei che quei porci la pagassero perchè non si può agire in modo così subdolo e diabolico.Saluto tutte le ragazze che in quel periodo erano con me, purtroppo ho perso qualsiasi contatto soprattutto quello di una carissima amica...credo che con quell'esperienza siamo satate marchiate a vita.
Rispondi al commento


anonimo
14/05/2008 - 15:22
In risposta a: anonimo - 22/10/2007 - 15:18
carissima, io sono stata ieri a como alla guardia di finanza. sono gentilissimi e ho testimoniato contro bernasconi e lo staff. io ero a crisalide, ma penso siano utili tutte le testimonianze. Non è una bolla di sapone anzi il processo sarà a breve. quindi se hai qualcosa da dire, dilla. la guardia di finanza di como più materiale ha, meglio è. Non avere paura, se vuoi ti lascio il num 031591901. Dì pure che chiami x Bernasconi. Lui x la legge è "innocente" ma a giugno inizierà il processo. Se poi vuoi costituirti parte civile, una volta dimostrata la pena devi portare loro almeno le ricevute delle fatture di pagamento. Non ti preoccupare forse una giustizia c'è. a me hanno rovinato la vita. ma intanto lui non può più lavorare, almeno in questo ambito.


avvivvì (non iscritto)
19/05/2008 - 14:11
In risposta a: anonimo - (non iscritto) - 09/05/2008 - 22:28
vero incubo
Nel 2004 dopo avermi distrutto tutte le certezze, la voglia di vivere e quel minimo di sicurezza in me stessa dopo 8, e dico 8 mesi di "terapia" a SanaVita, sono tornata a casa rifiutandomi di proseguire il percorso da loro indicato. Mi hanno urlato che non ero guarita e che dovevo stare li, a lavorare a gratis per loro...persino il cuoco Army si sentiva un terapeuta capace di sapre cosa fosse giusto per me!
In quel puttanaio ho subito di tutto: umiliazioni corporali dal Maresciallo delle Saette, toccamenti fisici, lavaggio del cervello da parte di Bernasconi che mi voleva come sua "carina di turno", violenza sessuale compresa da parte di quel PORCO di Billari.
Mi avevano detto che "era terapia". Volevano che stessi lì perchè la vacca da mungere era ben provvista di latte/soldi dei miei.
Quando Billari finì i suoi porci comodi, si inventò la scusa della malattia e si eclissò. Allora Bernasconi si offrì di "consolarmi"... Offerta mai raccolta.
Ho visto fare l'ellettroshoc e l'ipnosi ad una poverina di Milano che, dopo ha tentato 2 volte il suicidio.
Ho visto abusi di tutti i tipi.
Andai via e tornai dove veramente mi vogliono bene, i miei genitori, ovvero i fautori, secondo loro, della mia rovina.
Quante ne potrei raccontare. Ho perfino telefonato in Procura a Como per rendere la mia testimonianza. Non mi hanno richiamata. Vuol dire che hanno già abbastanza elementi, o che finirà tutto in brodo di giuggiole?Boh, spero di no perchè Daniela l'ho conosciuta bene. Era persino normale, o meglio molto più normale delle stesse istitutrici bulgare.
Devo però denunciare la TV. andai li dopo aver visto gli spot martellanti e le interviste sia sulla Rai che Mediaset. Ma dico io, nessuno controlla?Come è possibile che il primo stronzo che parla e specula su una malattia abbia accesso a tanta audience?
Vorrei sapere come andà al processo ed essere informata. Abito al sud.
Tanta tanta tanta solidarietà e affetto a chi come me ha visto l'inferno con gli occhi.


aaaaa
22/05/2008 - 20:42
forse una giustizia c'è
carissima se non hai avuto risposte dal tribunale, abbi fiducia. Ti consiglio comunque di chiamare la Guardia di Finanza al numero 331.4616006 o al 031-591901, sono gentilissimi e stai sicura che faranno in modo di ascoltare tutto ciò che hai dai dire.
Ogni testimonianza è utile.
Rispondi al commento


aaaaa
22/05/2008 - 20:52
In risposta a: anonimo - 11/11/2007 - 21:47
forse una giustizia c'è
carissimo anche a te consiglio, se non lo hai ancora fatto, di contattare i numeri 331.4616006 e 031-591901 e di avere fiducia nei finanzieri che rispondono , sono gentilissimi e stai sicuro che faranno in modo di ascoltare tutto ciò che hai dai dire. poi sono d'accordo con te facciamo scoppiare un casino che la fiamma si è già accesa.


anonimo
23/06/2008 - 23:13
quanti/e di noi
Anche io sn stata a sanavita nel 2004, ho vissuto 7 mesi che credo mi abbiano segnato e nn dimenticherò mai!a distanza di 4 anni quasi ognigiorno ho davanti delle immagini di quel posto, in alcuni casi anche belle immagini, ho conosciuto persone che porto nel cuore proprio come la Dani.Dopo 7 mesi stavo scoppiando e cosi ho deciso di andarmene ovviamente con la loro benedizione "che nn sarei guarita", in efftti dopo poco che sn tornata a casa sn stata di novo male, peggio di come ero arrivata li ma a farmi guarire questa volt è stato l'amore dei miei ( che per sanavita erano il motivo del mio male e avrei dovuto tagliare i ponti con loro) , con l'aiuto di una bravissima psicoterapeuta e senza dubbio con la ma forza finimante ho superato questo incubo. Spero vivamente che Bernasconi, Billari e compagnia bella abbiano ciò che si meritano, anche se il male che hanno fatto speculando sul dolore altrui nn verrà mai ripagato.
Un bacio a tutti (leggendo i post mi sn chiesta chissà chi di voi ho conosciuto sn tutti anonimi)
Leti
Rispondi al commento


io sono stata a Potenza (non iscritto)
02/07/2008 - 00:30
ricovero a Potenza
io sono stata ricoverata a Potenza,nel reparto per la cura dei disturbi alimentari dell'ospedale S.Carlo.Lì la dr.ssa Viggiano e i suoi seguaci si rifacevano ai metodi "terapeutici" dei medici che hanno "curato" voi e con cui erano in contatto diretto.Io e tante altre abbiamo passato l'inferno là dentro,abbiamo avuto esperienze simili alle vostre.Una rgazza si è suicidata.La dr.ssa Viggiano e compari sono sotto processo.Mi auguro tanto che sia voi che noi riusciamo ad ottenere giustizia!
Rispondi al commento


Processo a settembre (non iscritto)
14/07/2008 - 11:09
Ciao a tutti
io anche sono stata a Sanavita e mi ritengo fortunata per non essere stata uan delle prescelte. Anche se oggi rabbrividisco se penso alle pacche sul culo date da chicchesia che venivano speigate tacitamente come un modo per sbloccare le bacchettone.
Io che non sono mai stata uan bacchettona non ero un granche' felice di riceverle.
E per non parlare dei baci sulla bocca che tra di noi ragazze certo erano piu' che ingenui e smaliziati..ma quando era il prof a porgere el labbra..be' mi dico che il alvaggio del cervello ce lo hanno fatto eccome!
Comunque vi scrivo per informarvi che mi hanno chiamato (GF) dicendo che il processo che doveva svolgersi a giugno luglio é stato posticipato a settebre e che se i capi d'imputazione verranno accollati al Signor BErnasconi allora chi vuole potra' chiedere il risarcimento quanto meno dei soldi buttati via.
Io credo lo faro'
Nessuno puo' restiturmi il tempo e il sangue che ho versato per quei mesi di sofferenza lontano da mio figlio..ma almeno uno straccio di futuro migliore speso in cure porfessinali potro' permettermelo senza fare i sacrifici che faccio ora.
Non so voi ragazze, ma io piu' ci penso e piu' mi sale il sangue al cervello al pensiero delle menzogne che mi hanno raccontato, delle promesse, della fiducia che si sono presi ...
Io sto male tanto quanto prima. Ma loro mi avevano detto che sarei guarita
Loro mi avevano detto che i soldi erano niente a confronto della mia salute.
Ora di soldi non en ho piu' e l a mia salute é la stessa di prima
Loro ci hanno fatto vivere sotto uan campana di vetro mentre fuori la vita é ben diversa Loro mi hanno rispedito nel mio mondo senza rendersi conto che ero un agnellino pronto al macello eprche' tutte le mie difese me le avevano fatte cadere.
Loro che dovevano esserfe i salvatori si sono dimotrari i peggiori carnefici.
E la Dani non c'é piu'
Fanculo
Scusate
A.
Rispondi al commento


anonimo
11/08/2008 - 22:44
rabbrividisco
ciao a tutti.
soNo entrata a sanavita nel 2005...nn ho avuto esperienze come le vostre,ma notavo stranezze in qualche altra paziente.
ragazzi nn sono assolutamente guarita...un pò mi sono data la colpa per aver scelto di terminare il mio percorso a sei mesi mentre loro ne avevano previsti nove....così mi avrebbero spillato chissà quanti soldi in più...non ero per nulla d'accordo con molti dei metodi utilizzati...
vi dirò la verità: ho ricevuto l'anno scorso una telefonata accorata da una di quelle persone...mi ha chiesto di testimoniare per loro e che avrei ricevuto a casa una sorta di test da compilare dicendo la verità...la pura verità...inizialmente ho detto di sì,ma per fortuna nn l'ho mai ricevuto perchè leggendo le vs storie e consapevolizzando bene quale è stato il mio percorso di "cura" nn voglio assolutamente che quelle persone restino a fare ammalare e aggravare qualche altra persona...sono ancora nella malattia e forse per tutti noi questo può essere un inizio per reagire davvero,per trovare la strada giusta..."TAGLIANDO QUESTO GROSSO RAMO SECCO" che ci ha illuso,aggravato e spillato una montagna di soldi...per poi fare che?per sfruttare quelle povere stagiste...la struttura la pulivamo noi (e questo poteva essere giusto) ma con stracci lerci e vecchi di anni e poi ti dicevano che nn pulivi bene e scattava la punizione....ragazzi anche io vorrei cercare almeno di restituire i soldi alla mia famiglia che sicuramente cercherà di aiutarmi in modo più valido...come si fa?
vi abbraccio e mando un bacio alla famiglia di daniela anche se nn la ho conosciuta.
Rispondi al commento


altale (non iscritto)
23/08/2008 - 10:45
In risposta a: anonimo - 11/08/2008 - 22:44
sana vita
Dalle vostre descrizioni sembra che state parlando di un lager. Che esagerate!!!! Anch'io sono stata a sana vita e non ho terminato il percorso e ovviamente non sono guarita. Ho intrapreso anche altre terapie che non hanno avuto un esito positivo.Sono io la responsabile di questo, sono io che sono restia a guarire xchè ho troppa paura e xchè da un lato mi torna anche comodo. Inizialmente anch'io ho avuto un vissuto negativo sulla clinica e il loro metodo, ma poi ho compreso che dipende anche da me e da quanto sono disposta a guarire. Mi sono confrontata anche con chi mi ha avuto in cura dopo e mai nessuno mi ha parlato male della terapia che avevo seguito a sana vita anzi se dei miglioramenti ci sono stati lo devo anche loro. Io Daniela lo conosciuta veramente non come tante di voi che ne parlano senza conoscerla nemmeno. Ci siamo sentite via mess.fino a poco prima che succedesse il fatto. Ho sofferto tanto xchè le volevo bene. Nonostante questo conoscendo il prof.da tanti anni ormai non credo che sia minimamente responsabile con la sua morte. Attaccate mi pure, fareste meglio ad impiegare le vs energie a guarire invece di investire tutto il vs tempo a pensare di farla pagare al prof., Silvia x cose che non hanno fatto.


anonimo
23/08/2008 - 20:47
ci sono stata
sono stata a sana vita nel 2006.ci sono stata per circa 6 mesi,tra fughe,incidenti e autolesionismo.mi hanno imbottito di psicofarmaci senza avere nessuna licenza di farlo.speravo che la mia vita sarebbe cambiata una volta per tutte dopo il percorso.infatti la mia vita è cambiata.purtroppo in modo negativo,mi porto ancora ora dietro il trauma di quei mesi terribili.senza tenere conto che per tentare di curarmi la mia famiglia ora non ha più un centesimo in banca.ad agosto dell'anno scorso sono stata a testimoniare a como dalle fiamme gialle,sono stati gentilissimi.purtroppo non ho potuto sporgere denuncia perchè non avrei avuto la possibilità di sostenere le spese degli avvocati.ora sono qua che mi chiedo se quelle persone così qualificate avranno ciò che si meritano.purtroppo è una magra consolazione,ma meglio di niente.
C.
Rispondi al commento


anonimo
24/09/2008 - 11:32
In risposta a: anonimo - 23/08/2008 - 20:47
Ciao ragazze! Io sono entrata a Sanavita nel 2006, non come paziente, ma come stagista. Non ho mai visto abusare di nessuno e io stessa facevo i colloqui di supervisione con il Prof, ma lui non mi ha mai sfiorata con 1 dito. A sentire le ragazze questo professore sembrava un Dio, se osavo criticare qualcosa di Sanavita, sicuramente loro mi si scagliavano addosso a difendere la struttura e i vari operatori. Non è vero che la terapia non funzionava, perchè ho visto tante ragazze guarire e rinascere. Finito lo stage, sono tornata a casa xchè mi avevano proposto 1 contratto ridicolo (1 borsa di studio da euro 400) per fare turni anche di 15 ORE! 1 anno dopo 1 paziente, mi ha confidato di avere subito abusi da parte del Prof e IO LE CREDO. Mi domando solo una cosa: PERCHE' RAGAZZE NON VI SIETE CONFIDATE CON ME? IO ERO UN' ESTERNA E AVREI POTUTO AIUTARVI!!! Marta G.


anonimo
25/10/2008 - 22:04
domanda
Qualcuna ha qualche notizia sul processo del Guru? Doveva essere aperto in ottobre, na non si sente nulla???
Rispondi al commento


anonimo
25/10/2008 - 22:30
In risposta a: anonimo - 25/10/2008 - 22:04
Il GIP finisce la requisitoria entro fine ottobre. Per metà novembre sono in contatto con la GdF di Como che la richiamerò, perchè ad inizi novembre inizia il processo.



alia (non iscritto)
15/12/2008 - 13:59
In risposta a: ? - (non iscritto) - 03/12/2008 - 22:53
perchè invece di scrivere sui blog non siete andate in procura a testimoniare? gli atti depositati ala magistratura riportano 3 soggetti accusatori contro un totale di 402 pazienti che sono transitate presso Sanavita e Cascina Raspù. Dove sono le vostre accuse?


anonimo
16/12/2008 - 06:52
In risposta a: ? - (non iscritto) - 03/12/2008 - 22:53
Io abito distante e sto solo aspettando una telefonata da parte del GIP per poter fare la mia parte.


alia (non iscritto)
16/12/2008 - 11:31
ormai non puoi fare più nulla... le indagini sono chiuse. e indagine chiusa=stop alle deposizioni. Mi sembra che qui si parla molto e basta. Dove sono le vostre deposizioni? facile parlare in anonimato su un sito.. ma troppo difficile fare responsabilmente le persone adulte.
Rispondi al commento


anonimo
17/12/2008 - 06:42
In risposta a: alia - (non iscritto) - 16/12/2008 - 11:31
Sono in contatto con il Capitano della GdF. Mi ha detto che le indagini sono chiuse, ma ancora c'è un po' di tempo per la difesa per presentare le proprie carte.
Ad inizio udienze mi contatteranno.


anonimo
19/12/2008 - 10:03
dite che faccio ancora in tempo a depositare la mia testimonianza??
Rispondi al commento


asia (non iscritto)
04/01/2009 - 15:31
ma quando??
Ma quando diavolo inzia il processo? Qualcuno di voi ha novita' sulla data??
A me avevano detto novembre, poi dicembre, poi gennaio ma quando??
Rispondi al commento


asia (non iscritto)
04/01/2009 - 15:31
ma quando??
Ma quando diavolo inzia il processo? Qualcuno di voi ha novita' sulla data??
A me avevano detto novembre, poi dicembre, poi gennaio ma quando??
Rispondi al commento


anonimo
04/01/2009 - 20:36
In risposta a: asia - (non iscritto) - 04/01/2009 - 15:31
Entro gennaio la difesa puù presentere le carte.


anonimo
04/01/2009 - 20:36
In risposta a: asia - (non iscritto) - 04/01/2009 - 15:31
Entro gennaio la difesa puù presentere le carte.


anonimo
09/02/2009 - 08:16
Avete saputo niente a proposito dell'inchiesta?
Oramai gennaio è passato...
Rispondi al commento


anonimo (non iscritto)
25/02/2009 - 23:50
so di certo che l'inchiesta è chiusa, ma k faranno ricorso al pubblico proclama x trovare altre pazienti.
non esitate vi prego. so che è dura soprattutto x ki ha rimosso, ma bisogna aiutare la gdf a fare giustizia. vi prego pensate a quando vi facevano del male... e a quanto ci hanno rovinato la vita. è l'ora che paghino... soprattutto w.bernasconi che non si è ancora presentato a deporre. lui è intoccabile...


mi chiedo una cosa:


"perchè non ne parlano le tv?????"
soprattutto in un periodo come questo dove lo stupro e la violenza a donne "fa notizia"?
forse è ancora troppo potente?






Rispondi al commento


giusy (non iscritto)
05/03/2009 - 17:26
bugiardi ladri infami
non ho usato un nome di fantasia è il mio perchè non sono io a dovermi nascondere ma chi li dentro pretendeva di gestire , aiutare e guidare i pazienti quando in primis quelli a dover ricevere assistenza psichiatrica e ricovero immediato erano proprio quelli che stavano a gestire, BERNASCONI, BILLARI, KATE, IVANA,KATIA,ISAAC GEORGE E TUTTO IL RESTO DEL CIRCO.Non mi hanno aiutata, mi hanno umiliata, mi hanno demoralizzata, mi hanno spogliata mi hanno reso fragile, ancora più fragile volevano confondermi allontanarmi dalla mia famiglia , dai miei principi trasformarmi in una stronza battona da quattro soldi. Vi maledico ed auguro tutto ciò che di male al mondo vi meritate
Rispondi al commento


lisamar
05/03/2009 - 17:28
bugiardi ladri infami
non ho usato un nome di fantasia è il mio perchè non sono io a dovermi nascondere ma chi li dentro pretendeva di gestire , aiutare e guidare i pazienti quando in primis quelli a dover ricevere assistenza psichiatrica e ricovero immediato erano proprio quelli che stavano a gestire, BERNASCONI, BILLARI, KATE, IVANA,KATIA,ISAAC GEORGE E TUTTO IL RESTO DEL CIRCO.Non mi hanno aiutata, mi hanno umiliata, mi hanno demoralizzata, mi hanno spogliata mi hanno reso fragile, ancora più fragile volevano confondermi allontanarmi dalla mia famiglia , dai miei principi trasformarmi in una stronza battona da quattro soldi. Vi maledico ed auguro tutto ciò che di male al mondo vi meritate
Rispondi al commento



"È stato condannato il collega V. D., addirittura durante la fase di preparazione del
servizio “Misteri accademici” (Falò, 12 febbraio 2004): e credo che davvero si tratti di una prima, se non mondiale, almeno svizzera!
V. è stato infatti accusato di diffamazione per il contenuto delle domande che aveva rivolto sulle attività di Waldo A. Bernasconi, personaggio al centro del suo servizio, ad alcuni conoscenti di quest’ultimo. Di diffamazione, secondo l’art. 173 del Codice penale svizzero, si rende in effetti colpevole “chiunque, comunicando con un terzo, incolpa o rende sospetta una persona di condotta disonorevole o di altri fatti che possano nuocere alla reputazione di lei, chiunque divulga una tale incolpazione o un tale sospetto”.
Da sottolineare che, dopo la messa in onda, l’inchiesta di V. non ha subito contestazioni di sorta."


anonimo
20/03/2009 - 17:04
Oggi a Studio Aperto hanno fatto un servizio sul caso. Banale! Hanno tirato fuori solo le vecchie storie senza aggiungere niente di nuovo! Anche le immagini erano quelle di 2 anni fa...
Rispondi al commento


anonimo
20/03/2009 - 20:24
In risposta a: anonimo - 20/03/2009 - 17:04
ultime notizie
http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo444636.shtml


barbara (non iscritto)
21/03/2009 - 18:23
c'ero anche io.
Vorrei scrivere tante cose, ma non mi basterebbe un' intera giornata...
Sono Barbara e sono stata a S.V dal luglio 2004. prima ricoverata, poi assunta (e sfruttata)
Vorrei solo dare un grande abbraccio a tutte voi.
e uno ai genitori di Daniela.. la bella, dolce e fragile Daniela.
ricordo momenti belli e momenti tremendi...
e ricordo le mie ragazze/i con tanto affetto.
Rispondi al commento


A (non iscritto)
02/04/2009 - 15:16
Ciao a tutte. Sono un'ex paziente come tutte voi e tra i commenti ci sono ovviamente anche i miei. Volevo informare tutte che stiamo pensando di unirci per poterci costituire parte civile durante il processo. Chiunque fosse interessata mi puo' contattare al seguente indirizzo email adam2000@libero.it. Inutile dire che se saremo in molte potremmo dividere le spese e ovviamente permetterci un avvocato in gamba. Non voglio dilugarmi in questa sede pero'. A presto.
A.
Rispondi al commento


truffate (non iscritto)
20/04/2009 - 22:00
In risposta a: giusy - (non iscritto) - 05/03/2009 - 17:26
ci siamo
Ciao a tutte. Il processo è alle porte. Noi ragazze truffat ci siao riunite. CHiunque fosse interessata a sapere cosa fare e cosa stiamo facendo noi ci contati all'indirizio mail truffate@gmail.com
A presto


anonimo
21/04/2009 - 16:39
Io ringrazio il cielo ogni giorno per aver avuto la fortuna di essere stata curata a Sana Vita, quello che voi definite mostro e' stato per me un'ancora di salvezza dopo anni di inferno e malattia...credo che il fatto di aver vissuto male deteminate regole sia legittimo ....ma avete mai cercato di capire i motivi di determinate terapie ? Cercate mai di guardarvi dentro prima di parlare ?... se qualcosa non vi andava bene perche' non ne avete parlato prima ???? Non e' tanto difficile... ma come ognuna di noi che ha vissuto la malattia si sa quanto sia facile fare le poverine ... le vittime... ma non e' cosi' che si guarisce...E ' facile ora nascondersi dietro ad un gruppo avvolto nel vortice mediatico.....e chissa' quante ci marceranno per aver risarcimenti..! Tanto per testimoniare contro basta leggere cio' che dicono i giornali. Comunque pieno rispetto per tutte coloro che davvero hanno sofferto, il mio cuore e' con loro .
Rispondi al commento


anonimo
22/04/2009 - 06:43
Nel mio caso non discuto i metodi (ci penserà l'Ordine dei Medici al quale Bernasconi NON è mai stato iscritto). Discuto il millantato credito, il pregiarsi di titoli accademici fasuli, le pressioni psicologiche fatte a C.A.S.A.D.A.P. per andare a SanaVita.
I miei soldi li vorrei spendere da qualcuno titolato per guarirmi, e non da uno che gonfia le proprie tasche spacciandosi per ciò che non è e non è mai stato.
Rispondi al commento


anonimo
22/04/2009 - 16:31
Per me la salute non ha prezzo... pensate forse che alle usl lavorino gratis e le "clininiche specializzate" italiane ???? E poi io ho avuto modo di vedere le percentuali di guarigione e paragonate ai risultati delle strutture italiane non c'e' confronto. Se mi avesse guarito il fruttivendolo sotto casa mia in tutta onesta' sarebbe stato lo stesso ....l'importante ( PER ME ) e' il risultato che ha ottenuto : la mia vita.
Rispondi al commento


anonimo
22/04/2009 - 23:12
In risposta a: anonimo - 22/04/2009 - 23:07
gia' le percentuali....chissa' com'è quando entri ti dicono che il 70 % guarisce...poi nei servizi ritrattano dicendo il 50% poi vai a sanavita e ti accorgi che su 20 persone con cui vivi fianco a fianco per mesi non ne trovi una che ora sta bene
MAVVVVVAFFANCULO VA
A chi è guarita...sono felice per noi..ma non permettetevi di giudicare chi invece ha portato a casa ulteriori problemi a quelli che gia' aveva.
Non discuto i gruppi, non discuto la terapia, non discuto il cazzo di neoreichiano...ma IL LAVAGGIO DEL CERVELLO quello lo abbiamo subito tutte. Tutti autoni usciti da Sanavita. TUTTI indistintamente


amelie (non iscritto)
28/04/2009 - 18:19
a mente lucida
Dal momento che questo è diventato un ring tra i sostenitori e gli accusatori mi permetto di spendere due parole vs chi continua a difendere la banda di zio paperone...dunque, il fatto che alcuni di voi ora stia bene e a detta vostyra grazie a loro, non può che essere una gioa, qui il CASO è un altro, o meglio, oltre al fatto ke la maggior parte delle ex pazienti è uscita di li peggio di come è entrata, ciò che si denuncia sono: la mancanza di TITOLI, e il reato non è trascurabile, è grave!!!considerando che li sn arrivate persone in fin di vita; molestie sessuali, e nn raccontiamoci cavolate che tutte abbiamo visto il prof. (bernasconi) baciare e fare il figo con le più carine( sbaglio o il martedi al tavolo suo c'erano sempre le più svestite e le più belle?), per non parlare di Billari che si dilettava in telefonate porno...; associazione a delinquere finalizzata alla truffa, e mie care anche coloro che hanno tratto beneficio dal ricovero a sv sn cmq state truffate, mettetevelo in testa!!!; danni al servizio sanitario nazionale....e quante ne usciranno ancora durante il processo...
decidete voi da che parte stare...io, come tante altre, ho deciso di chiedere giustizia per me e per tutte voi!!!
Rispondi al commento


anonimo
29/04/2009 - 18:45
In risposta a: anonimo - 11/09/2007 - 16:33
la debolezza è insita in malate di disturbi alimentari e non
Come fai a dire: non credo nella debolezza e vulnerabiliità di anoressiche e bulimiche?
Chi sviluppa queste malattie e, anche tante persone che non le sviluppano, sono invece vulnerabili e deboli per tanti motivi. E trovano difficile dire di no! Inoltre hanno provato a fidarsi: come ci chiedevano sempre tutti i sedicenti terapeuti!. Sicuramente ti ricordi la sottomissione, come comportamento che l'uomo deve saper avere all'occorrenza, secondo la teoria neoreichiana. O No?????
Io stessa che sono stata a Casadap e a Sanavita ho fatto tante cose durante le sedicenti terapie, che non volevo fare e che mi facevano sentire umiliata, ma solo perchè partecipare alle "esperienze" era necessario per guarire secondo quei sedicenti terapeuti!!!!
E poi dici: Nessuno viene obbligato a uccidersi??? Ma con che coraggio lo dici??? Daniela ha subito delle violenze che l'hanno portata a desiderare la morte!
Vergognati!!!!


anonimo
19/05/2009 - 14:02
Basta scrivere cazzate!!!!!!
Si è capito che volete indietro soldi e tutti mezzi vanno bene x raggiungere quell'obiettivo. Io a sv ci sono stata x un lungo periodo e non ho visto ne vissuto in prima persona abusi di alcun genere. Ho visto invece ragazze che si contendevano le attenzioni del prof. Erano loro a voler essere carine x andare a colloquio da lui. E non c'è nulla di male. Se siete state plagiate come asserite o eravate incapaci di intendere e volere allora lo siete anche adesso e perciò i vostri commenti sono frutto di una mente emotivamente instabile e destiuite da ogni fondamento di verità. Voi potete scrivere lo stesso di me e non me ne frega niente. Se volete guarire non è questa la strada giusta. Con il rancore risciarete di rimanere malate perenni!
Rispondi al commento


ame (non iscritto)
01/06/2009 - 18:26
Si...i soldi in dietro li vogliamo...ma nn è certo questo il motivo della ns battaglia...tra noi ci sono persone che ora stanno bene, grazie a Dio, e non certo grazie a SV, credimi e persone che purtroppo ancora lottano con la malattia, quello che vogliamo è che sia fatta giustizia!!!!i soldi, mia cara sono l'unico modo x avere una rivincita nei confronti di chi ci ha truffate e ragirate con falsi titoli e plagi psicologici!!!!!
Rispondi al commento


anonimo
27/06/2009 - 13:26
Ricevuto oggi il fascicolo per raccomandata con tutti i nominativi.
Ora che fare?
Rispondi al commento


anonimo
30/06/2009 - 22:13
In risposta a: anonimo - 27/06/2009 - 13:26
scrivi a truffate@gmail.com



mariano (non iscritto)
04/07/2009 - 05:40
richiesta di aiuto qualcuno mi risponda
qualcuno sa darmi notizie sulla dottoressa Viggiano? Adesso lavora presso il dca di Gravina e li è in cura la mia ragazza: Nel leggere della vicenda in cui è coinvolta la dottoressa, vi confesso, mi sono letteralmente impaurito...
Qualcuno sa dirmi come e se il preocesso si sta svolgendo???
Vorrei allontanare la mia ragazza da questa dottoressa, che mi sembra perda solo tempo e temporeggi su tutto. AIUTO AIUTO
Rispondi al commento



richiesta di aiuto qualcuno mi risponda


qualcuno sa darmi notizie sulla dottoressa Viggiano? Adesso lavora presso il dca di Gravina e li è in cura la mia ragazza: Nel leggere della vicenda in cui è coinvolta la dottoressa, vi confesso, mi sono letteralmente impaurito...
Qualcuno sa dirmi come e se il preocesso si sta svolgendo???
Vorrei allontanare la mia ragazza da questa dottoressa, che mi sembra perda solo tempo e temporeggi su tutto. AIUTO AIUTO
Rispondi al commento


mari236
04/07/2009 - 17:12
richiesta di aiuto qualcuno mi risponda
qualcuno sa darmi notizie sulla dottoressa Viggiano? Adesso lavora presso il dca di Gravina e li è in cura la mia ragazza: Nel leggere della vicenda in cui è coinvolta la dottoressa, vi confesso, mi sono letteralmente impaurito...
Qualcuno sa dirmi come e se il preocesso si sta svolgendo???
Vorrei allontanare la mia ragazza da questa dottoressa, che mi sembra perda solo tempo e temporeggi su tutto. AIUTO AIUTO
Rispondi al commento



valentina (non iscritto)
09/09/2009 - 12:16
come no
a chiunque dice che erano le ragaze a cercare le attenzioni..
vorrei ricordare che chi era li' lo era per un problema......e questo e' uno dei lati piu' squallidi della faccenda :quando stai male con te,la vita e' difficile...be' e' proprio la ituazione ideale per qualke stronzo che sa' giocarsela e approfittarsene.
IO AVEVO 15 ANNI ed ero tossicodipendente...non mi venite a dire che eravamo noi a metterli nelle condizioni di !!!!!!!
mi hanno fatto foto nuda e seminuda,ho assistito ad amplessi di gruppo,ho dovuto fare allucinanti attivita' pomeridiane come stare chiuse in una stanza in 20 ragazze a fare i cani..sono stata toccata e spinta a mia volta a "stare "con altre ragazze.
eravamo tutte ragazze sole,problematike e disagiate....la materia preferita di questi porci che hanno saputo cavalcare bene la nostra solitudine e il nostro bisogno di accettazione
Rispondi al commento





anonimo
16/09/2009 - 00:01


richiesta di aiuto qualcuno mi risponda


qualcuno sa darmi notizie sulla dottoressa Viggiano? Adesso lavora presso il dca di Gravina e li è in cura la mia ragazza: Nel leggere della vicenda in cui è coinvolta la dottoressa, vi confesso, mi sono letteralmente impaurito...
Qualcuno sa dirmi come e se il preocesso si sta svolgendo???
Vorrei allontanare la mia ragazza da questa dottoressa, che mi sembra perda solo tempo e temporeggi su tutto. AIUTO AIUTO
Rispondi al commento


anonimo
15/10/2009 - 17:21
L'andazzo è quello del patteggiamento, con udienza aggiornata a sabato 17 ottobre.
Se così dovesse finire, i tempi si accorcerebbero notevolmente rispetto all'iter processuale "standard".
In questo caso Bernasconi non farebbe neanche un giorno di carcere e si aspetterebbero solo i migliori offerenti per la vendita all'asta della villa di SanaVita.
Così chi ha speso € 50.000,00 ne rivedrebbe sì e no 5.000,00.
Chi, come me, ha buttato € 2000,00, tornerebbe a casa con quanto basta per una serata al cinema.
SGRUNT!!!
Rispondi al commento



anonimo
27/10/2009 - 20:39
Piero Billari è un ex dipendente, in pensione, delle ferrovie dello stato, ex politico locale del suo comune di residenza, si è occupato di sicurezza sui luoghi di lavoro appena uscita la 626/94 e stilava documenti sulla valutazione dei rischi (erano tutte delle autodenuncie), per € 350. Fallita questa esperienza, e chiuso il settore sicurezza della società la quale lavorava e credo fosse anche dirigente o comunque responsabile, è diventato specialista contro l'anoressia in svizzera. E' stao invitato anche al Maurizio Costanzo, mi pare, per parlare di anoressia. Che carriera !!!