Maria Teresa De Nicolò, una notte da Berlusconi.

BARI – C’è a Bari, dopo Patrizia D’Addario, una seconda signora che ha
Altri post  QUI  QUI  QUI    QUI      SOMMARIO POST
ammesso dinanzi agli investigatori di aver trascorso una notte a Palazzo Grazioli. A invitarla, e poi a rimborsarla con mille euro, è stato Gianpaolo Tarantini. La signora si chiama Maria Teresa De Nicolò, ha 37 anni, è nata e vive a Bari. Repubblica l’ha incontrata insieme con il suo avvocato, Sabino Strambelli.
Che subito tiene a dire: “Finora Maria Teresa non ha detto una parola, le sue condotte sono state e continueranno a essere rispettose del segreto istruttorio, ma ora ci sembra giunto il tempo di precisare alcuni fatti. Leggiamo troppe interpretazioni falsate del suo presunto ruolo in questa vicenda, distorsioni che arrecano danno all’immagine e alla reputazione della mia assistita”.
Maria Teresa De Nicolò tace con il volto un po’ rigido mentre il suo avvocato spiega le ragioni del perché “Terry” si sia decisa a rispondere a qualche domanda.“Voglio dire – conclude il legale, Sabino Strambelli – che la signora De Nicolò non è indagata in nessuno dei tronconi di indagine dell’inchiesta del pubblico ministero Giuseppe Scelsi. È vero, è stata ascoltata dagli inquirenti, ma soltanto come persona informata sui fatti: il suo nome, contrariamente a com’è stato riportato da alcuni quotidiani, non è mai stato associato a fatti che attengono né all’uso e allo spaccio di stupefacenti né al reclutamento di ragazze per feste e festini tantomeno sull’asse Bari-Milano”.
Gianpaolo Tarantini è il giovane imprenditore di Bari che, secondo le provvisorie evidenze raccolte dalla magistratura, ingrassa affari e influenza ingaggiando ragazze per allietare le feste di Silvio Berlusconi a Palazzo Grazioli e a Villa Certosa e, interessato agli appalti della sanità pubblica pugliese, ripete lo schema a livello regionale.
Signora De Nicolò, lei conosce Gianpaolo Tarantini?

“Sì”.
Quando lo ha conosciuto?
“Alcuni anni fa, quando fui invitata a una festa nella sua villa di Giovinazzo, alle porte di Bari”.
Di che tipo di feste si trattava?
“Erano feste molto tranquille. Gianpaolo partecipava con sua moglie, c’erano i suoi amici e molta musica e molta allegria”.
Gianpaolo Tarantini l’ha mai invitata a feste a Villa Certosa dal presidente Berlusconi?
“No, a villa Certosa non sono mai stata invitata”.
Ma lei ha conosciuto il presidente Berlusconi?
“Sì”.
Quando?
“Una sera del settembre del 2008 a Palazzo Grazioli”.
Come andarono le cose?
“Se intendete come andarono prima, andarono così: Gianpaolo non mi dice subito che dobbiamo andare dal presidente del Consiglio. Mi chiede di raggiungerlo a Roma – naturalmente, a sue spese – per partecipare a una festa. Prenota, per me, una stanza in un albergo di via Margutta. Gianpaolo è al de Russie, a piazza del Popolo. Sistemo il mio bagaglio e lo raggiungo. Soltanto allora, lì al de Russie, mi dice che dobbiamo andare a casa del “presidente”. Io chiedo: “Quale presidente?”. Non avevo mica capito che si trattasse di Berlusconi. E, quando Gianpaolo me lo dice, confesso di sentirmi molto gratificata e anche un po’ incuriosita”.
Bene, come andarono le cose dopo?
“Siamo una ventina, diciamo in un rapporto di un uomo ogni quattro ragazze. Dopo una breve attesa in cortile, ci fanno entrare in un salone dove ci vengono offerti champagne e tartine. Attendiamo per una decina di minuti l’arrivo di Berlusconi”.
Lei com’era vestita?
“Con quello che, ho scoperto dalla lettura delle cronache di questi giorni, è una sorta di abitino di ordinanza. Gianpaolo mi aveva detto di indossare un vestito nero con un trucco leggero e io avevo scelto un vestito nero di Prada, scollato. Direi che vestivo con una eleganza frivola e seducente”.
Bene, siete nel salone. Che cosa accade a questo punto?
“Arriva Berlusconi. È sereno, allegro, come al solito sorridente. Gli siamo presentate. Per chi non conosce, il presidente ha subito una parola gentile. Ci sono anche personaggi molto noti all’opinione pubblica e ai telespettatori italiani…”.
Ci può fare qualche nome?
“Non lo ritengo opportuno”.
Dopo l’aperitivo, tutti a tavola.
“Sì. In una grande tavola che ricordo ovale. Cena raffinata e una conversazione non banale, anche intorno ad alcuni temi politici”.
Quali?
“È il settembre del 2008, e sulle prime pagine dei giornali domina la crisi dell’Alitalia. Se ne parlò e io, che ammetto di essere forse un po’ invadente, intervengo e mi mostro preoccupata per il destino della nostra compagnia di bandiera. Berlusconi mi chiede: “Sei un’azionista di Alitalia?”. “No”, rispondo con una battuta: “Ho soltanto un mare di Millemiglia che non vorrei perdere”".
Da quel che ormai si sa delle feste di Palazzo Grazioli, le serate hanno diversi tempi. C’è il primo tempo di una cena dove domina la conversazione soprattutto sui successi del presidente: è quella che ci ha raccontato. Poi c’è un secondo tempo, più allegro e festaiolo. Il copione è stato rispettato anche quella sera?
“Sì. Dopo la cena arriva il turno di Apicella, con le solite canzoni napoletane. Su tutte ricordo Champagne di Peppino Di Capri. E addirittura, dopo averla richiesta, la canto anch’io, con sprezzo del pericolo. Il presidente mi rimprovera e mi prega di smettere. Non so dargli torto. Sono troppo stonata! Ma in quello che voi chiamate il secondo tempo, più che Apicella, l’attrazione, quella sera, è una cantante dalla voce splendida. Non italiana, e purtroppo non ne ricordo il nome. Era così brava che ero sicura di rivederla, prima o poi, in televisione. Chi lo sa come mai è stata trascurata, nonostante la sua bravura. Il canto è soltanto una parte del “dopo cena”. Poi c’è la parentesi delle barzellette e del ballo”.
Divertenti le barzellette del presidente? Si sa che sono un po’ spinte o come direbbe Berlusconi “piccanti”.
“Beh, io direi caserecce. Mi ha fatto sorridere”.
Com’erano le ragazze?
“Belle. Ripeto, alcune anche famose. C’era un clima allegro”.
E Berlusconi?
“Un ottimo padrone di casa. Quando arrivò scambiammo subito due chiacchiere, raccontò che a breve sarebbe partito per trascorrere una settimana in un centro benessere. Silvio si è dimostrato subito una persona alla mano”.
Silvio?
“All’inizio, naturalmente, gli do del lei e lo chiamo presidente. Ma l’atmosfera è così informale che dopo un po’ comincio a dargli timidamente del “tu”. Poco dopo, prendo a chiamarlo Silvio”.
C’era chi lo chiamava Papi?
“No, nessuno quella sera lo ha chiamato Papi e francamente mai lo avrei chiamato così”.
Dunque, il secondo tempo. Dopo le barzellette, diceva, si comincia a ballare.
“Ballo con il presidente e anche con gli altri uomini presenti. Quando balla, è molto formale: non allunga le mani, non fa il polipo come ho letto in questi giorni sui giornali hanno raccontato le altre ragazze”.
Le testimonianze raccolte finora raccontano di un terzo tempo nelle feste di Berlusconi, un tempo più esplicitamente sessuale come quello che il 4 novembre ha visto protagonista Patrizia D’Addario. Le informazioni raccolte da Repubblica indicano che lei ha partecipato a questo terzo tempo e ha dormito, con altre ragazze, a Palazzo Grazioli. È andata così?
“No, per favore non fatemi questo tipo di domande”.
È stata retribuita per la sua partecipazione a Palazzo Grazioli?
“No, ho ricevuto a titolo di rimborso spese la cifra di mille euro”.
Da chi?
“Da Gianpaolo Tarantini”.
Berlusconi le ha regalato qualcosa?
“Due statuine e alcuni oggetti di bigiotteria”.
Bigiotteria? O gioielli?
“Se mi dicono gioielli penso a Tiffany… In questo caso parliamo di bigiotteria: ciondoli di tartarughine e farfalle. E anche due soldatini”.
Che ricordo ha di Berlusconi?
“Con me è stato gentile. Un ottimo padrone di casa e un eccellente intrattenitore. Abbiamo fatto le quattro di notte”.
Ricorda che giorno della settimana era?
“No, non ricordo”.
Quella è stata l’unica volta che è stata a Palazzo Grazioli?
“Purtroppo, sì”.
Perché purtroppo?
“Mi sono divertita, sarei tornata volentieri. A chi non piacerebbe partecipare alle feste del capo del governo? Ma ci deve essere qualcosa di me che non è piaciuto a Silvio”.
Che cosa?
“Non lo so, forse il fatto che fossi stonata (sorride). E poi a me piace discutere, dire sempre come la penso”.
Lei ha mai chiesto a Tarantini perché non è stata più invitata a Palazzo Grazioli?
“Sì, una volta gliel’ho chiesto. E Gianpaolo mi ha risposto che forse il presidente vuole facce nuove alla sua tavola”.
Alcuni giornali hanno scritto che lei a Milano procacciava ragazze per le feste del presidente. È vero?
“È assolutamente falso. Io, a Milano, sono andata soltanto in vacanza, non ho mai presentato nessun’amica a Gianpaolo anche perché faccio una vita abbastanza defilata”.
Ha visto cocaina quella sera a Palazzo Grazioli?
“Assolutamente no”.
Lei fa uso di cocaina?
“No”.
Risulta dalle carte giudiziarie che alcuni testimoni hanno associato il suo nome all’ex vice presidente della giunta regionale pugliese, Sandro Frisullo, politico del Pd. Lei conosce Frisullo?
“Sì”.
Come lo ha conosciuto?
“Me lo ha presentato Gianpaolo”.
Ricorda in che occasione?
“No”.
Vi siete visti soltanto una volta?
“No”.
Fonti vicine all’inchiesta hanno confermato a Repubblica che lei ha avuto rapporti sessuali con il vice presidente della giunta. Ce lo può confermare?
“No, non voglio rispondere a questo tipo di domanda”.
Ha ricevuto benefici economici per questi incontri?
“No, non insistete su questo genere di domande”.
Signora De Nicolò, di cosa si occupa?
“Di arredamento e ristrutturazione di immobili. E poi adoro leggere: libri e giornali”.
Ha letto nei mesi scorsi la lettera e l’intervista di Veronica Lario?
“Sì, ma non vorrei entrare nel merito di vicende così strettamente di carattere personale. Non sono un’ipocrita, ma il velinismo non mi piace. Per questo apprezzo quelle donne che hanno il coraggio di rivendicare il proprio ruolo nella società”. di GIUSEPPE D’AVANZO e GIULIANO FOSCHINI repubblica.it