Goldman Sachs, Sec, denuncia, truffa.

Finalmente un qualcosina di quello che si sentiva in giro si sta avvicinando al
capolinea: indovinate chi resta nel mezzo? Proprio loro, la famigerata Goldman, che con i suoi funzionari e dipendenti di NY figurano al secondo posto in assoluto tra i top finanziatori di Obama, (al primo la Ucla, terzo Google). Cosa avrebbero
fatto? Ma al solito; non hanno avvertito i clienti del cambio di profilo di rischio dei loro soldi. Insomma, gliel'hanno infilato in tasca, come sempre hanno fatto.
Mi raccomando, non lo raccontate in giro, tanto a chi interessa?
Il punto per me comunque è questo: è la lobby dei banchieri e la lobbi ebraica che va caricata di una extra responsabilità, oppure è la lobby generale dei banchieri e
dei politici e di un elite, per capirci, che va caricata? Sono due aspetti differenti, per quanto sottilmente differenti. Una cosa è certa per me: non si può affibbiare la colpa di quello che succede a gente che vive nelle roulottes, nei campers e in casette prefabbricate, inseguendo il sogno americano o semplicemente sbarcando il lunario. Sarebbe troppo facile. A questo punto mi chiedo: se io faccio parte di quell'8% che fa parte di un elite, perché sono convinto che la colpa non sia mia? Perché non ho preso parte alle decisioni sul tipo di sviluppo da seguire, creato e posto da Nixon nel 1972-1974. Nè sono io a vivere secondo criteri di bieco consumismo, adagiandomi ai piedi profumati del colosso denaro. Tutto qui. Il resto per me è superfluo: nel momento in cui mi si dice di scagliare la prima pietra, sono sicuro che quella persona l'avrei già fulminata prima di dirmelo. Forse è paranoia, solipsismo, ma questo è. E nessuno dirà: scagliate la prima pietra. Semplicemente, quando le cose sono mature, semplicemente accadono. Come le rivoluzioni, in cui c'è un momento in cui qualcuno sale su un palazzo, sfila una bandiera, qualcuno lo uccide con una raffica di mitra e a quel momento, mille, diecimila, e poi centinaia di migliaia di persone scendono in piazza e a quel punto nessuno può sparare per ucciderle. Lo abbiamo visto in Ungheria, in Cina, in Germania e lo continueremo a vedere. In Grecia, stanno arrivando i prestiti della UE, e forse se supereranno la fine dell'anno, la minaccia di una colossale rivolta sarà posticipato, ma siamo molto vicini, me lo dicono alcune persone sul forum. Probabilmente quello che successe nel 1974, con il sangue dei 5 poveri dimostranti sfracellati davanti alla cancellata del Palazzo, sarà da innesco per la fine. Mi ricordo il mio vecchio professore: erano i morti che ci volevano per far finire tutto: erano necessari, per  quanto assurdi. Aveva ragione.

NEW YORK (Reuters) - Goldman Sachs è stata accusata di frode dalla Securities and Exchange Commission Usa per la strutturazione e vendita di prodotti di debito legati a mutui subprime. Secondo la Sec, Goldman ha realizzato e commercializzato un "collateralized debt obligation", strutturato su attività legate ai mutui subprime, che è costato agli investitori più di un miliardo di dollari. Goldman non avrebbe dato agli investitori "informazioni vitali" sul cdo, chiamato Abacus. Inoltre un grosso fondo hedge, Paulson & Co, era coinvolto nelle decisioni di quali attività sarebbero state incluse nel portafoglio e aveva preso posizioni corte contro i cdo, scommettendo su un calo delle sue valutazioni.
Secondo l'esposto della Sec, Paulson & Co ha pagato Goldman 15 milioni di dollari per stutturare il Cdo, che è stato chiuso il 26 aprile 2007. Poco più di 9 mesi dopo il 99% del portafoglio ha subito un downgrade, ha detto la Sec.
La Sec ha anche detto che il vicepresidente Fabrice Tourre è stato il principale responsabile per la creazione di Abacus.