L'espresso e Rossana Rossanda falsi profeti.

L'espresso nei due numeri precedenti le regionali, ha prospettato scenari, anche
 sulla scorta delle regionali francesi, del tutto favorevoli a una svolta a sinistra. Ora, anche l'altra voce sbagliata, di solito sempre dalla parte dell'analisi più irreale e surrealistica, Rossana Rossanda, si leva a favore di un desolato paragone tra la sinistra francese, rimessasi in piedi, dopo la defenestrazione della super glamour Segolene Royal, (in coppia con il compagno super socialista Hollande),  glamour, sexy ma con una campagna politica da sfascio, e la "bella" signora, charming, non basta con la "bestia" Sarko. Free Image Hosting at www.ImageShack.us
Premetto che a me Sarkozy non piace, e a prescindere da ogni e qualsiasi idea politica o partito, non lo voterei mai. Qui un altro post
Nel pezzo, la R.R., continua ostinatamente a parlare di sinistra e destra, affermando chiaramente che in Francia, (dove il PCF di Marchais aveva il 4% dei voti), non si è suicidata, come avvenuto in italica, continuando a credere
in una divisione tra sinistra e destra, e per di più in Francia, dove una sinistra vincente è sempre stata rappresentata dai socialisti. Ma per capire la differenza tra i due paesi, basta guardare alla candidata Sego, contrapposta a un candidato quale Cicchito o Del Turco; sono questi da noi, gli eredi del vecchio socialismo riformista pre e post craxiano. Paradossalmente, su molti punti, pur nell'assenza di liberalismo che li accomuna, i sopravvissuti socialisti italici sono da sempre più laici degli stessi ex Pci, anche se nel Pdl ne devono ingollare di tutte. Ma come ripeto, si tratta di brontosauri sopravvissuti all'era glaciale e ormai destinati a finire morti stecchiti nel deserto ideologico attuale, (a parte Rossanda).

Almeno riformista    Rossana Rossanda
In Francia il partito socialista, Europe Ecologie e la sinistra socialista di Jean Luc Mélenchon assieme a quel che resta del Pcf, hanno conquistato tutte le regioni salvo l’Alsazia. L’astensione ha lasciato per terra la destra. Nicolas Sarkozy, già adorato in Italia, ha ammesso una disfatta secca.
Che cosa è avvenuto rispetto alle presidenziali? Il partito socialista di Martine Aubry ha abbandonato la linea di incontro con il centro promossa da Segolène
Royal. Il quale centro, ammirato da Casini e da Rutelli, è scomparso dalla scena con la stessa rapidità con la quale vi era entrato. Quanto alla estrema sinistra
di Besancenot, che non aveva voluto allearsi alle altre sinistre, si è ridotta al 2,5%. Se l’alleanza resterà in piedi, le prossime presidenziali, la cui campagna
elettorale di fatto comincerà adesso, vedrà la sconfitta della destra di Sarkozy.
Si può trarne qualche conseguenza per l’Italia? Le politiche dei due governi sono le stesse, anche se Sarkozy non punta ai soldi e non ha la volgarità di
Berlusconi. La differenza è che in Francia la sinistra non ha cessato di esistere mentre da noi si è suicidata o mortalmente divisa. Nelle regioni non consegnate
in partenza al Pdl o a Bossi non vedo candidati che si oppongano al governo; conosco soltanto Niki Vendola e Mercedes Bresso. Mi appresto a votare Emma Bonino, perché è una persona limpida che rispetta le regole, ma è una liberista di ferro. Dove sta una sinistra? A resistere al cavaliere c’è una specie di partito degli onesti, il popolo viola, Santoro e Di Pietro. Essi puntano a una democrazia socialmente piatta che vada oltre alla vergogna in cui siamo.
È una resa intellettuale illimitata. E infatti, se si profila una caduta del berlusconismo, si verificherà nel suo stesso campo e sarà seguita da una coalizione Fini-Casini-Bersani, sconcertante. La sinistra francese non è certo geniale. Ma è stata capace di dire pane al pane, di rappresentare la protesta dei salariati precari, disoccupati, di parlare delle donne e alle donne, (tutto il paese ha celebrato, con mio stupore, l’8 marzo), di affondare la campagna sull'identità nazionale; di denunciare la non volontà di mettere termine alla speculazione finanziaria, non accetta la riduzione della spesa pubblica e per i beni pubblici. Nulla di straordinario, molta protesta delle categorie – non i soli sans papiers ma medici, insegnanti, operai, disoccupati, precari, agricoltori dal reddito sceso di un terzo. Un contenzioso non nuovo, accentuato dalla crisi, cui si aggiunge la crescita delle disuguaglianze come costituiva della globalizzazione.
Sarebbe cosi difficile dirlo anche in Italia? Da noi una sinistra, anche moderata, che lo dica non c’è. I comunisti si sono flagellati per non aver creduto nel mercato. Le sinistre più radicali non si occupano dei ceti deboli perché le condizioni materiali poco conterebbero rispetto al mutare del simbolico. Per cui
nulla sarebbe possibile cambiare, salvo l’impresentabile Berlusconi. Niente di più: una destra ripulita lo potrà fare anche da sola. In Francia un’opposizione
cosi avrebbe perso.