Luciano Della Mea, Serrantini, Pisa, Lotta Continua.

Luciano Della Mea è nato vicino Lucca, e la sua storia potete leggerla nel suo
 libro: Una vita schedata (al link sotto). Personaggio a tutto tondo della cultura libera, anarchica e socialista, senza barriere e schieramenti, per quanto di sinistra. Aveva un fratello minore, forse anche più noto di lui, Ivan Della Mea, cantastorie popolare e dal basso, di una tradizione popolare e operaistica ormai da anni desueta e fuori tempo. Valgono davvero per Della Mea, nella sua difficile vita, quanto scrisse dalle colonne dell'Avanti! il 1 febbraio 1955, in risposta ad un lettore: "Quando l'amarezza e la tristezza assalgono, perché la lotta è aspra, perché il mondo è ingiusto, perché si ha a che fare con viltà e slealtà di ogni sorta, non conviene dirsi, a mò di rassegnazione, "Buongiorno tristezza", bensì "Buongiorno resistenza". E così salutare un nuovo giorno di lotta".
 A parte il finale, si capisce quanto le delusioni facevano parte della vita di uno che guarda il mondo con gli occhi di LDM,  dove i termini che affibbia alla società sono ingiustizia, slealtà, cioè mancanza di vera comunanza, alla base del sogno anarchico.

Franco Serantini venne abbandonato al brefotrofio, dove vi rimane fino all'età di due anni quando viene adottato da una coppia senza figli. Dopo la morte della madre adottiva è dato in affidamento ai "nonni materni", con i quali vive, a Campobello di Licata in Sicilia, fino al compimento dei nove anni quando è trasferito di nuovo in un istituto d'assistenza a Cagliari.

Nel 1968 è inviato all'Istituto per l'osservazione dei minori di Firenze e da qui - pur senza la minima ragione di ordine penale - destinato al riformatorio di Pisa "Pietro Thouar" in regime di semilibertà, consistente nel mangiare e dormire in istituto. A Pisa, dopo la licenza media alla scuola statale Fibonacci, frequenta la scuola di contabilità aziendale. Con lo studio e la conoscenza di nuovi amici incomincia a guardare il mondo con occhi diversi e ad avvicinarsi all'ambiente politico della sinistra frequentando le sedi delle Federazioni giovanili comunista e socialista, passando da Lotta continua fino ad approdare, nell'autunno del 1971, al gruppo anarchico "Giuseppe Pinelli" che ha la sede in via S. Martino al numero civico 48.

Incarceramento
Insieme a tanti altri compagni è impegnato in tutte le iniziative sociali di quegli anni, come l'esperienza del "Mercato rosso" nel quartiere popolare del Cep, in molte azioni antifasciste e, infine e nell'accesa discussione che la candidatura di protesta di Pietro Valpreda ha innescato nel movimento anarchico. Il 5 maggio 1972 partecipa al presidio antifascista indetto da Lotta Continua a Pisa contro il comizio dell'on. Beppe Niccolai del Movimento Sociale Italiano. Il presidio
 viene duramente attaccato dalla polizia; durante una delle innumerevoli cariche Franco viene circondato da un gruppo di celerini del Secondo e del Terzo plotone della Terza compagnia del I Raggruppamento celere di Roma, sul lungarno Gambacorti, e pestato a sangue.
Successivamente viene trasferito prima in una caserma di polizia e poi al carcere Don Bosco, dove, il giorno dopo, viene sottoposto ad un interrogatorio, durante il quale manifesta uno stato di malessere generale che il Giudice e le guardie carcerarie e il medico del carcere non giudicano serio.
Morte e indagini
Il 7 maggio, dopo due giorni di agonia, Serantini viene trovato in coma nella sua cella, trasportato al pronto soccorso del carcere muore alle 9,45.
Il pomeriggio dello stesso giorno le autorità del carcere cercano di ottenere dal Comune l'autorizzazione al trasporto e al seppellimento del cadavere. L'ufficio del Comune rifiuta, mentre la notizia della morte di Serantini si diffonde in tutta la città. Luciano Della Mea, antifascista e militante storico della sinistra pisana, decide insieme all'avvocato Massei di costituirsi parte civile. Il giorno dopo si svolge l'autopsia: l'avvocato Giovanni Sorbi, esce dalla sala dell'obitorio dell'Ospedale di Santa Chiara e ricorda:
« È stato un trauma assistere all'autopsia, veder sezionare quel ragazzo che conoscevo. Un corpo massacrato, al torace, alle spalle, al capo, alle braccia. Tutto imbevuto di sangue. Non c'era neppure una piccola superficie intoccata. Ho passato una lunga notte di incubi »
I suoi funerali il 9 maggio 1972 vedono una grande partecipazione popolare. Al cimitero, Cafiero Ciuti, un anziano militante anarchico, tiene l'ultimo discorso di commiato. In piazza S. Silvestro il 13 maggio 1972 dopo una grande manifestazione indetta da Lotta continua con un comizio conclusivo di Gianni Landi per gli anarchici e di Adriano Sofri per Lotta continua viene apposta all'ingresso del palazzo Thouar, che è stata l'ultima abitazione di Franco, una lapide in suo ricordo. Le manifestazioni e le iniziative per ricordare Serantini si rinnovano, anno dopo anno, a Torino gli viene dedicata una scuola, nel 1979 a Pisa nasce la biblioteca omonima e nel 1982 in piazza S. Silvestro, ribattezzata nel frattempo piazza Serantini, viene inaugurato un monumento donato dai cavatori di Carrara. Le indagini per scoprire i responsabili della morte di Serantini affogano nella burocrazia giudiziaria italiana e nei "Non ricordo" degli ufficiali di PS presenti al fatto. I sessanta uomini del Secondo e del Terzo plotone della Terza compagnia del I Raggruppamento celere di Roma che sono i protagonisti della vicenda scompaiono nelle nebbie delle stanze della magistratura. Ma la vicenda di Serantini rimane all'attenzione dell'opinione pubblica: attraverso una costante campagna stampa dei giornali anarchici, di Lotta continua, del movimento, di quelli democratici, dei comitati "Giustizia per Franco Serantini" e infine del libro di Corrado Stajano, Il sovversivo. Vita e morte dell'anarchico Serantini, uscito nel 1975, si è potuto conoscere e mantenere in vita la memoria di un ragazzo, assassinato in una strada dell'Italia dei primi anni settanta, che credeva nella libertà, nella giustizia e in un mondo migliore.

Nanni Balestrini, Disposta l'autopsia dell'anarchico morto dopo i violenti scontri di Pisa, in Paola Staccioli. In ordine pubblico. Roma, 2002. pp. 25-31.

Sulla vicenda di Franco Serrantini, che oggi ricorda molto quella di eventi recenti,(tra i quali Stefano Cucchi), vi rimando al libro di Corrado Stajano,  Il sovversivo : vita e morte dell'anarchico Serantini, molto valido, toccante e coinvolgente. Noi di LC non avremmo mai fatto una scelta come quella di Serrantini, più libertario e assolutamente meno intruppato, e purtroppo, morto per una causa nostra: il presidio di LC contro il comizio del MSI, che portò agli scontri con la celere del 7 Maggio 1972 e per questo mi va di ricordarlo in questo periodo, e infine alla maziatura del povero Serrantini, con la sua tradizione in carcere, dove muorì meno di due giorni dopo, senza cure. La morte di Serrantini sul momento non mi fece riflettere molto, ero troppo giovane, inesperto e pieno di dogmi e intruppamenti in quel di Pisa, ma quando nel 1975 uscì il libro di Stajano e lo lessi, cominciai a farmi un'idea differente dei rapporti di potere, di forza e la relazione con la cultura e la conoscenza. Se lo ricordo oggi, e sono quello che sono, lo devo anche, più alla storia in LC, alla lettura del libro di Stajano e a quello di LDM, quasi mio concittadino, ma all'epoca non lo sapevo. Peraltro, se devo dire, forse mi sbaglio, ma a Lucca, non si è parlato molto dei due fratelli quando sono scomparsi, specie Ivan, morto da pochi mesi.
Qui potete leggerne qualche brano: http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/281/dossier.htm
 
Qui un libro su Nanni Moretti, che portò Stajano sullo schermo, e anche perché  Placido trasse un film dal suo libro, Un eroe borghese, sulla vita di Ambrosoli.
http://books.google.es/books?id=t-ZQ2BjrlBgC&pg=   (libro incompleto su google).