Sanità, regioni al collasso.

La dichiarazione del marziano Laboccetta: Chi ha sbagliato paghi, conti opachi,
 gravità inaudita, voragine debiti, la magistratura faccia il suo lavoro... Basta! Solo un poco di buon gusto, smettetela di tirarci addosso queste frasi da avvocati, trite e ritrite, che tanto a breve dovrete andarvene e in fretta. Con degli amici ci siamo detti che cosa potrebbe essere la spia di un vero cambiamento e la mia proposta è stata "quella di non vedere più la signora Bianca Berlinguer in TV". Pensate che spasso, vedere gente come certa spazzatura nelle direzione dei Tg che prende la sua roba dagli stipetti e se ne va in qualche oscura redazione di giornale, non più pagato da noi anche quello. Ecco, forse è questa la rivoluzione!
Un altro parlamentare entra nell' inchiesta sugli appalti: Amedeo Laboccetta, deputato del Pdl e componente della commissione Antimafia, sarà interrogato lunedì pomeriggio
 dai pm Vincenzo D' Onofrio, Pierpaolo Filippelli e Raffaello Falcone come indagato di associazione per delinquere e turbativa d' asta. L' esponente politico era stato intercettato due volte, il 27 e il 28 marzo 2007, mentre discuteva con l' imprenditore Alfredo Romeo, in carcere dal 17 dicembre scorso, degli emendamenti presentati da alcuni consiglieri comunali di An durante l' iter della delibera sul Global Service. «Volevo sapere se quelle chiacchierate erano andate bene perché oggi ho saputo che ci sono stati 80 emendamenti», dice Romeo il 27 marzo 2007, e Laboccetta replica: «Guarda, la chiacchierata che ho fatto io è andata superbene». Il giorno successivo, Romeo dice: «L' importante è che tu la vedi tranquilla», e il deputato risponde: «Sì, fra l' altro tu hai tanti amici pure là che hai comunque coinvolto in queste situazioni». Laboccetta è il terzo parlamentare indagato nel filone principale dell' indagine.
(ASCA) - Napoli, 13 mag - Per il deputato del Pdl Amedeo Laboccetta ''Il vero
 scandalo e' il dissesto finanziario delle Regioni''. Da qui l'invito alla magistratura ad ''indagare su questo''. Per il componente della commissione parlamentare antimafia, ''il deficit delle Regioni denunciato dai neo governatori, che non solo hanno trovato le casse vuote ma una voragine di debiti discutibili e opachi, e' un fatto di una gravita' inaudita. E' su questo che la politica dovrebbe interrogarsi piu' che inseguire fatti giudiziari isolati e riferibili a singole persone''. ''Chi ha sbagliato paghi e la magistratura faccia il suo lavoro con assoluta indipendenza - aggiunge - Tuttavia, quando si scopre che in Campania e' scomparso oltre un miliardo di euro occorre chiedersi quale sia la vera questione morale''.
''Bisogna stare attenti - conclude - a non inseguire falsi fatti e cortine fumogene che coprono le vere responsabilita' e le vere questioni morali'', conclude Laboccetta.