Santoro, Gabanelli e Lerner.

I soliti film, visti e rivisti. La Gabanelli si occupa di gestione delle spiagge ma
 dopo averci fatto vedere quanto sono bravi a Riccione, non le passa manco per l'anticamera del cervello di fare un giretto in Toscana. Si sa, la Regione Toscana deve essere lasciata fuori da ogni  inchiesta o argomento scabroso, a meno di non mostrare quanto sono bravi. Poi la Gabanelli ci legge in diretta le letterine di insulti che riceve; una tattica che non le salverà il ma..o, da parte di chi è almeno intellettualmente a pari suo e con idee differenti, non certo tra i Berlusconi e suoi seguaci.Free Image Hosting at www.ImageShack.usFree Image Hosting at www.ImageShack.us
Santoro dopo la liquidazione da nababbi, che era toccata anche alla presidente di garanzia, Lucia Annunziata, per le sue dimissioni anticipate, inserita in un contratto formulato da una schiera di consulenti, parla dei pedofili in America, e stranamente, c'è tra gli ospiti il neo presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. Proprio in puglia, pochi minuti prima, la banda Ricci, di Striscialanotizia, ci ha fatto vedere un bellissimo Ospedale Oncologico a Bari, pronto da 4 anni, completo di tutti i macchinari, totalmente desertificato. Una spesa di 65 milioni di euro, in attesa di essere utilizzata per le genti della Puglia. Senz'altro non ci verrà a dire il Vendola, che lui non c'entra, dal momento che è capo della regione da cinque anni. Era forse l'uomo nuovo, a quel tempo, ma a me viene da pensare che se la gente lo vuole, è anche perché la gente si aspetta situazioni come quelle che sono sotto i nostri occhi. Compreso questi strani? ritardi, che un significato lo devono avere.
Perché Vendola da Santoro, sui crimini di Holy See? Perché Vendola è di sinistra, gay e cattolico. Contraddizioni? Il mondo ne è pieno, comunque ne dica il guru di Bertinotti, il Prof. Fagioli ai suoi seguaci. Ma preferiremmo che il Vendola e altri presidenti di Regione, la smettessero di comparire nei salotti e si occupassero di altre faccende. Quello che si fatica a capire è la folta schiera di seguaci di Santoro e Gabanelli, al netto dei culattoni raccomandati e dei sindacalisti e autonomisti scolastici che sono naturali seguaci di simili prodotti Tv. Ma davvero si può credere che per capire alcuni problemi e tematiche odierne, si deve aspettare un programma Tv? Internet non conta niente, serve solo a dire: vi ricordiamo di andare intanto sul nostro forum, per dialogare e porre domande? Ma neanche ai tempi di Lenin si sarebbe trattata la gente in questi modi. E un certo numero di seguaci continua a bersela.  Vedi anche post ---> QUI