Nikki Haley, Rebecca Dana, Daily Beast, lo scandalo è servito.

Per le amiche del blog, cui è dedicato questo post, partiamo da un primo dato:
 Rebecca Dana, per molti anni ha lavorato al Wall Street Journal, testata prestigiosa di NY, occupandosi della cronaca rosa e del chiacchiericcio o gossip, ma da alcuni mesi è passata al super cool Daily Beast, il sito online di bestialità quotidiane, specializzato, ma non solo, in gossip e notizie di prima mano sul mondo della alta società. E già questo è un primo spunto di riflessione:chi si sarebbe mai sognato 5 anno fa di lasciare un giornale prestigioso, per andare a scrivere su un sito web? La domanda è per l'amico Gianni Riotta e per R. Murdoch.    

Due, la notizia: data da Dana Goldstein però.
Nikki Haley, era fino a poco fa, una delle tante donne in carriera politica in uno stato del sud, South Carolina, notoriamente terra di repubblicani e super fedeli conservatori, ben incarnata nella parte, con tanto di marito e due figli al seguito.
A questo punto le mie lettrici hanno già capito l'antifona; stai a vedere che sotto sotto, gatta ci cova? Si, proprio così, la nostra Nikki, secondo il tremendo Daily Beast, intrattiene rapporti non solo politici, con due suoi colleghi, un lobbista, vale a dire un rotto in c..o, che per mestiere fa il rompib...e presso i politici di governo, affinchè concedano appalti ed entrature alle aziende che lui sponsorizza, tale Larry Marchant, e il nome dirà pure qualcosa no?, l'altro componente dell'harem, è attualmente innominato, ma secondo il potente DB, si tratta di un portavoce, leggi tirapiedi, dell'ex governatore Folks. La Haley è candidata a contendersi il posto di governatore, ma ha già dichiarato in diverse interviste anche in Tv, affiancata dal povero marito, che non si dimetterà fino a che non saranno provate (da chi, il Daily Beast non prova mai nulla, semplicemente da notizie quando è certo di avere il sedere ben riparato) le accuse di fredifraga, anzi di aver messo su un Harem con i lacché dei politici, forse a scopo elettorale.
Nelle Tv, la Haley, una politichetta in, Italia tipo la Polverini, è una di destra, dura e pura, contro l'immigrazione, per la famiglia e antiabortista, ma con riguardo ai valori veri, quelli della fede, della lealtà e fedeltà, magari ci mettiamo anche un bel poco di patriottismo e siamo al completo. Il polverone di gossip sembra averla portata sulle vette della cronaca, ma che ci crediate o no, la vostra croniquer è convinta che la sua carriera politica subirà un irrimediabile stop, almeno per qualche anno.   

La nostra Rebecca Dana, sul Daily, commenta: - Le done che si portano a casa una bella pagnottella, con un'attività da far invidia al super maschio, vanno a finire che poi danno fuoco alla casa. Insomma, queste donnine in carriera, tutte sorrisi e sottanine velenose, subiscono l'effetto "liberazione sessuale", quando è seguito da un bello stipendio.- Aggiungo; negli anni '70 le donne hanno fatto la loro rivoluzione sessuale ma era solo sotto le lenzuola, oggi che oltre al letto ci affiancano la carriera, finiscono per buttare all'aria la loro esperienza di vita familiare. Che è come dire: stanno diventando in tutto e per tutto dei maschiacci alla McCain o alla Ted Kennedy, due sposatissimi, da sempre sciupafemmine impenitenti. Ai poveri mariti ed ex, non rimane che la bottiglia e qualche programma in tv, in attesa che lei arrivi con la pagnotta (capito il titolo del post?).
A proposito, da Ophra stasera c'è la Ferguson, parlerà della sua abitudine di alzare e parecchio il gomito e le robette che ne conseguono; comprendetela.
Alla prossima, bye,bye.
Benedetta Broccoli, a.paul lorenzi, NY. for,   Perdentipuntocom.blogspot  c. 2010
facebook.com/Tvblog.it?v=wall