Paolo Berlusconi indagato, solita caporetto della Proc. di Milano.

blog.ilgiornale.it/filippi Vi ricordate nel 2005, abbiamo una banca, Fassino e Consorte,
 l'Unipol, il Giornale di Paolo Berlusconi, che pubblica le intercettazioni, allora detenute solo dal Pm che indagava e dalla Rcs, Research control system (società che si occupava delle intercettazioni per conto della Procura)? Bene, l'Ansa pubblica che il Corriere della Sera ha divulgato la notizia che P.Berlusconi è indagato per quella storia. Sono felice, perché dimostrerò che la mia vecchia previsione era ed è azzeccata: alla fine della giostra, tra altri dieci anni, si vedrà che la Procura di Milano non è approdata a niente, e non ci saranno condanne per nessuno degli imputati a vario titolo, meno che mai per paolo Berlusconi, e i suoi scudieri. Anzi, attendevamo al varco la mannaia su quel Alfonso Signorini, da tempo sempre invischiato in strane vicende di intercettazioni e foto-ricatto, e invece dobbiamo attendere ancora. Insomma dopo la fasulla operazione Mani pulite, in cui un piccolo appaltatore di servizi e sua moglie fanno scoprire ai solerti procuratori e pm di Milano il marcio che c'è dietro gli appalti, fino a quel momento insospettato e inusitato dalla Società Civile milanese, quella della migliore borghesia illuminata, fino al caso Mills, finito con il suono del gong, che ha decretato lo scadere dei termini, si arriverà a questa ulteriore serie di indagini, che saranno destinate a finire nel nulla o in una sequela di processi, che non approderanno a nulla, salvo farli prescrivere, addossando la colpa al legislatore, che dovrebbe concedere tempi biblici. Come corollario, ci troviamo il Di Pietro a far politica, e che politica e l'ex pm Colombo, a subbissare i poveri bambini delle scuole medie con i suoi solipsismi sensa costrutto, ma ben assistito da scorta, pagata da noi; l'ex pm Casson, in parlamento per il Pd, e così via. Che volevamo da simile  procura di rito ambrosiano? Proprio quello che abbiamo avuto, e intanto si va avanti continuando a elogiare i bravi magistrati di mani pulite: l'abbiamo visto che bella pulizia è  stata fatta anche in quel di Milano, dove regna una spartizione certosina in tutta la sanità. Alla prossima.
http://www.aipsimed.org/articolo/contro-linformazione-manipolata-il-duello-marrazzo-angelucci-iniziato-dai-tagli-alla-sanit%C3%A0