Luca Montezemolo, il campione dello sfascio, pronto all'entrata in politica.

Finalmente, dopo il passaggio guidato da Gabetti e Franzo Grande Stevens di tutta
 la macchina Fiat nelle mani del saggio John Elkann, Luca Montezemolo ha finalmente asserito di avere le mani libere, e quindi come dire, toltosi il peso della Fiat dal groppone, potrà lanciarsi nell'agone politico. [questo articolo va letto con questo, cui segue Parodi Delfino, Monteleoni, Montezzemolo, Mieli]
Altri post simili  gianni-agnelli-e-famiglia-evasione

E ve lo dico in modo chiaro: sappiamo che la cordata di Montezemolo è decisa a entrare in politica direttamente.
Gli restano appiccicate altre cosucce, ma sciocchezze, come la Ferrari, e Ntv, la treni veloci, nulla, in confronto al peso dell'ingombrante Fiat. La discesa in campo, si è detto. Ma non si era già sentito nel 1994 un giovane e rampante imprenditore, coronato da donne, successo e anche fortuna, dichiarare di voler scendere in campo? Non era l'uomo del fare, del liberismo, dell'attivismo e produttività, contro gli uomini delle cooperative, dei picchettaggi sindacali, dei perditempo nei consigli e uffici comunali?  Ricordo che Cordero = Agnelli in spagnolo.
Bene, siamo certi che queste dichiarazioni non saranno ripetute da Montezemolo,
 ma l'ottimismo, la fiducia nel "marchio italia", il rilancio dei nostri blend, il buoni prodotti e la mitica creatività italica, siamo certi che saranno sulla suo bocca. Del resto non vi ricordate il Commissario straordinario di Italia '90? Non era Montezemolo, la figura manageriale di primo piano, quella che ci parlava di avanzamenti puntuali dei lavori di costruzione di nuovi stadi, della viabilità, di semafori intelligenti, sullo stile di Barcellona, con la compagna di allora, quella Edwige Fenech, che imperversava nei programmi Rai, della Domenica e poi nelle fiction?
Italia 90 "un immondezzaio di sprechi e inefficienza", un incredibile ammanco di soldi fatti pagare ai contribuenti italiani, ignari dei conti fatti da Luca. È lunga la lista delle opere inutili, volute da Luca e finanziate con denaro pubblico: stazioni ferroviarie, terminali di aeroporti abbandonati, stadi mal costruiti, alberghi finanziati e mai completati, sale stampa demolite dopo una sola partita. Per questa gestione, Montezemolo ha solo di poco schivato addebiti. Molte le polemiche, tra spese pubbliche centuplicate e operai morti nei cantieri. Tra i molti sprechi: spese ingenti per opere mai iniziate o per opere iniziate e mai completate. Nei cortei, a Montezemolo viene gridato "assassino", venendogli addebitata la responsabilità degli operai morti nei cantieri. La sua gestione di Italia '90 viene ricordata quando egli attacca la Casta politica ed invoca tagli allo Stato sociale. In questi anni Luca dirà che il problema è totalmente della classe politica, respingendo ogni responsabilità per tutti i soldi da lui usati inutilmente.
E non è sempre a Montezemolo, cui il genio Briatore si riferiva quando asseriva
 che lui una strada nella formula uno se l'è aperta da solo, non per diritto di nascita, da nobile e ricca famiglia piemontese, da sempre legata con gli Agnelli, signori d'Italia, che lo affiancarono al "vecchio" patron di Ferrari, senza colpo ferire e senza che nessuno dicesse nulla?

Gli Agnelli, sapete che sono vissuti in maniera selvaggia, praticamente da soli, hanno allacciato legami che si sono protratti per tutta la vita e che sono andati oltre qualsiasi legame di parentela (alla morte di Gianni, tutto era nelle mani dei suoi amici, che i parenti lo volessero o meno e così è stato, fino al passaggio guidato da loro al giovane e meritevole Elkann) e hanno conservato uno sguardo divertito ma assolutamente cinico dei fatti e vicende, anche intime. Su Luca Montezzemolo, ai temopi dell'amico loro Cesare Romiti, accadde questo fatto che lo interessò:
Grazie all'attività velistica, Montezemolo ha il merito di rilanciare l'immagine della Cinzano; tuttavia questo merito è vanificato da una errata scelta imprenditoriale del giovane Cordero di Montezemolo: infatti non viene prodotta abbastanza merce da soddisfare il consistente aumento della domanda, pertanto la Cinzano beneficia solo marginalmente dell'accresciuta visibilità del suo marchio. A proposito del passaggio alla Cinzano, Cesare Romiti dichiarerà al giornale La Repubblica nel 1985: "Abbiamo pescato, in Fiat, un paio di persone che pretendevano danaro per presentare qualcuno all'Avvocato. Uno dei due l’abbiamo mandato in galera, l'altro alla Cinzano"; e Montezemolo ammise: "È vero, ho sbagliato, per favorire il contatto con Gianni Agnelli mi sono fatto dare ottanta milioni nel cofanetto di un libro vuoto di Enzo Biagi". Per questa tangente non verrà mai interrogato.

Non parliamo della sua vita privata, quella familiar- donnesca: sposato con Sandra Monteleoni, da cui ha un figlio, Matteo, (la Monteleoni è sempre ospitata nei migliori salotti, quelli con Linda Lorenzi da Vespa e su Mediaset, a parlare delle donne e dei loro rapporti con il potere e con maschi potenti), si è divorziato e riaccompagnato con Bambi, Barbara Parodi Delfino, di famiglia nobile, sorella della giornalista Cristina Parodi, anche lei a Mediaset, da cui ha una figlia, Clementina. Poi inizia la storia, durante Italia 90 con la Fenech, per poi risposarsi con Ludovica Andreoni, da cui ha due figlie piccole.
Come si vede, una carriera da Berluschino, solo con origini nobiliari ma da famiglia solo agiata.
Da tempo, forse in previsione delle sue dismissioni Fiat, ha fondato e presiede Italia Futura, che sarà il movimento che originerà il movimento politico da cui Luca Cordero di Montezemolo scenderà nell'agone politico, vantando i suoi successi con la Ferrari e di Italia 90 (forse meglio di no).
Dal momento che il Pd e i partitelli svenduti a nome comunista, sono ormai allo sfascio (ché allo sbando lo sono da quando sono sorti), Berlusconi ormai è in disarmo popolare, e dunque anche la PdL, la discesa di Montezemolo, in asse con Casini e Rutelli, magari imbarcando anche i finiani, potrebbe portare a risultati notevoli, non inferiori a un 15%, decretando la fine dell'egemonia dei due mega partiti coalizioni, che finiranno per implodere, tra Di Pietro e la Lega.
L'Italia del futuro è sistemata, sono felice.

Lunedì 21 Giugno 2010

LIPARI (MESSINA) - Il mare alle Eolie per il maltempo ha raggiunto forza 7. Fermi i collegamenti marittimi da e per Napoli, Reggio Calabria, Messina e Palermo. Solo i traghetti assicurano le corse da e per Milazzo. Bloccato anche lo yacht blu con a bordo il "patron" della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo, il giornalista Paolo Mieli e il presidente di Medusa Carlo Rossella.

Nota finale:
Secondo voi é vero che Montezemolo é il figlio naturale di Gianni Agnelli?
Tutti sanno nessuno dice.. o almeno nessuno dice ufficialmente. gli indizi sono molteplici..   da  http://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20071120084041AASv5Wi

1) Luca Cordero Montezemolo dovrebbe essere figlio del sig. Massimo Cordero Montezemolo, agricoltore et marchese, e di tale Clotilde Neri.
2) Su Google non si trova alcun altro sito dove Luca e il suo sedicente papà sig. Massimo Cordero siano associati (strano, no?)
3) Esiste un Massimo Cordero di Montezemolo presidente di una oscura società agricola.
4) E' quanto meno curioso che Montezemolo a soli 27 anni e a soli due anni da una laurea in giurisprudenza sia diventato direttamente Assistente di Enzo Ferrari, presidente e fondatore della celebre casa automobilistica di lusso. Il sito ufficiale della Ferrari conferma le date.
5) Due anni prima la Fiat aveva acquisito il controllo finanziario della Ferrari. (ibidem).
6) Corderos in spagnolo significa Agnelli.Free Image Hosting at www.ImageShack.us

Anni fa era uscito un libro in cui un amico di famiglia raccontava che Gianni aveva avuto questo figlio da una domestica che lavorava in casa degli Agnelli. Gianni poi, pur non riconoscendo il figlio (non poteva, era sposato, sarebbe stato uno scandalo) non ha mai mancato di provvedere a lui e sua madre.

Comunque quello che aveva scritto il libro non é mai stato querelato...
É verissimo, Luca di Montezemolo é il figlio di Agnelli, non sono calunnie. I tanti che lo dicono non sono mai stati querelati... direi che non ci sono dubbi.
 Luca  Montezemolo, defeat italian champion, first entry into politics.

 Finally, after the passage led by Gabetti and Franzo Grande Stevens of all the Fiat car in the hands of the wise John Elkann, Luca di Montezemolo has finally claimed to have free hands, so to speak, toltosi weight of Fiat from his back, will launch political arena. [This article must be read with this, followed by Parodi Delfino, Monteleone, Montezzemolo, Honeys ]
The other little things are stuck, but nonsense, like Ferrari, and NTV, the fast trains, nothing compared to the weight of Fiat. The descent into arena, we said.  But he had not heard already in 1994 a young entrepreneur and rampant, crowned with women, success and luck too, say they intend to take the field? Was not the man of action, liberalism, activism and productivity, against men of cooperatives, trade union picketing, the wasters in the councils and municipal offices?
I remember that Cordero = Agnelli in Spanish.
Well, we are confident that these statements are repeated by Montezemolo, but the optimism, confidence in the "brand Italy", the revival of our blends, the good products and the legendary creativity Italic, we are sure to be on his mouth.  Moreover you can not remember the special commissioner of Italy '90? Montezemolo was not the figure of the first management plan, what we talked about specific progress of construction of new stadiums, roads, traffic lights, intelligent style of Barcelona with the companion of the time, that Edwige Fenech, raging programs Rai, Sunday and then in fiction?
Italy 90 "a dump of waste and inefficiency," an incredible shortage of money made payable to the Italian taxpayers, unaware of the accounts made by Luca. It is a long list of unnecessary work, wanted by Luke and financed by public money: railway stations, terminals abandoned airports, stadiums poorly constructed, financed hotels and never completed, press rooms demolished after one game.  For this administration, Montezemolo has only just dodged objections. Many of the controversies between public expenditure and a hundredfold workers died on building sites. Among the many waste: significant expenditure for works never started or never completed and work begun. In parades, shouted at Montezemolo is "murderess", accused  the responsibility of workers killed on construction sites. The management of Italy '90 is remembered when he attacks the political class and invokes the welfare state cuts. In recent years Luca say that the problem is entirely the political class, rejecting any responsibility for all the money he used unnecessarily.
It is not always Montezemolo, whose genius Briatore was referring when he claimed that a path in the formula one would be open by itself, not by right of birth, rich and noble Piedmontese family, always linked with the Agnelli lords of Italy, who helped him to "old" boss of Ferrari, without a shot being fired and without anyone saying anything?
The lambs, Agnelli family, you know who have lived in a wild, almost alone, have connected links that have lasted a lifetime and that went beyond any ties of kinship (the death of John, everything was in the hands of his friends who relatives wanted it or not and so it was, until their move led by the young and deserving Elkann) and have kept an amused but absolutely cynical of facts and events, even intimate. On Luke Montezzemolo, at the time of the friend to them, Mr. Cesare Romiti, this happened that interested him:
Thanks to the sailing, Montezemolo is credited with reviving the image of Cinzano, but this is offset by about a wrong choice of young entrepreneurial Cordero di Montezemolo: it is not produced enough goods to satisfy the substantial increase in demand, so the Cinzano only marginally benefit from increased visibility of its brand. About the transition to the Cinzano, Cesare Romiti declare to La Repubblica newspaper in 1985: "We fished in Fiat a couple of people who wanted money to meet Advocate. One of the two we sent to jail,  the other to Cinzano" and Montezemolo admitted:" Yes, I was wrong to bring into contact with the Advocate Agnelli, I made to eighty million in the casket of a blank book by Enzo Biagi." To this tangent will never be questioned.

We talk about her private life, family-feminine: Married to Sandra Monteleoni, which has a son, Matteo, (the Monteleoni has always hosted the best salons, those with Linda Lorenzi, to Vespa and Mediaset, to speak of women and their relationship with power and powerful males), were divorced and taken back with Bambi, Barbara Parodi Delfino, of noble family, the sister of journalist Cristina Parodi, also to Mediaset, which has a daughter, Clementina. Then the story with sexy acterss Edwige Fenech, and then marry Ludovica Andreoni, which gave him two small daughters.
As you can see a career like little Berlusconi.
For some time, perhaps in anticipation of its Fiat divestiture, founded and presides over Italy Futura, which will be the society from which  Luca Cordero di Montezemolo will fall into the political arena, boasting of his success with Ferrari and Italy 90 (maybe better not).

Since Pd (Democratic Party) and comunist party sold out on behalf of the community are now in ruins (because they are in disarray since they arose), Berlusconi is now popular in disarmament, and thus the PDL, the descent di Montezemolo, in line with Casini and Rutelli, perhaps even embarking Fini, could lead to remarkable results, not less than 15%, decreeing the end of the hegemony of the two mega parties, coalitions, which will eventually implode, between the League Of Padania and Di Pietro.

Italy's future is settled, I'm happy.
http://digg.com/d31aGQc
http://digg.com/politics/Perdentipuntocom_Luca_Montezemolo_il_campione_dello_sfasci
http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2010/08/18/la-grande-beffa-della-sovranita-popolare/comment-page-2/#comment-452024