Il caso Grillo, il miliardario del popolo.

Su Grillo si dice un gran bene o un gran male, questione di punti di vista.
Anche sui grillini, si dice che alcuni sono la parte migliore di certa gioventù ma per contro, una buona fetta di grillini rappresenta invece la peggiore feccia, pronta a tutto pur di farsi ragione e di tirare a campare secondo regole proprie non certo rispettose degli altri.
Dal momento che ho sempre trovato criticabili i fenomeni mediatici come Alex Jones e Grillo, che sui propri blog multimilionari fanno pubblicità ai loro prodotti, sia pure sotto forma di materiali editoriali e visivi, conseguendo entrate di centinaia di migliaia di euro annue, a scapito dei sostenitori e o curiosi, ritengo Grillo un furbone con idee assai criticabili e confuse.

Su Grillo ho trovato un saggio rigoroso e interessante, che vi allego in pdf, dal titolo; Webbe Grillo di Gaetano Luca Filice. Leggetelo, è illuminante.
Per scaricarlo, dovete avere i popup abilitati del browser.
Ma quello che più mi elicita indignazione, è il fatto che il blog di Grillo ha una tipica struttura verticale: c'è una direzione, una testa che decide, cui tutti gli altri si possono accodare. Ben diversa è la struttura dialogica dei blog orizzontali, ad esempio i forum, dove chiunque, in base alle regole fissate, può aprire un topic e suscitare una discussione, cui si aggiungono molti e differenti apporti. Se poi l'amministratore del forum, decide di eliminare un topic o un membro, deve darne il conto alla comunità dei lettori scrittori, che sono attenti al rispetto delle regole prefissate. Quindi gli arbitri, sempre possibili, sono comunque ben evidenti.

A me è capitato di essere stato oggetto di ostracismo e infine eliminazione da parte dei solerti amministratori del forum de Il Mucchio, cui avevo aperto un thread solo per vedere che tipo di giovani uomini frequenta certi siti e legge un tipo di rivista, sopravvissuta agli anni '80 fino ad oggi. Non faccio commenti al riguardo, ma credo che alcuni dei lettori della rivista siano anche dei simpatizzanti di Grillo, e la cosa non mi sorprende.

Bene, comunque la pensiate, e questo articolo non è contro o pro Grillo, vi dico che di gente come Grillo, personalmente non ne ho bisogno, e lascio tranquillamente arricchirsi lui e qualche furbetto, con la storia dei gruppi sul web.