Yara, tra errori e false piste Tv, ecco cosa dicevo 3 mesi fa.

Dall'articolo dell'8 Dicembre 2010, un piccolo estratto:

E' chiaro che l'operazione di profiler è andata a gambe all'aria e non si capisce come sia potuto accadere, se non ammettendo una certa superficialità o sciatteria.
Vi dico alcuni semplici dati che vi faranno subito comprendere cosa sta succedendo:

Yara è stata rapita (poi vedremo con quali modalità) e certamente uccisa poco dopo (nel 80% dei casi, dopo le prime 48 ore, le possibilità di trovare la scomparsa in vita sono vicine a meno del 10% e dopo ulteriori 48 ore sono quasi zero);

lo scopo del rapimento è tipicamente sessuale (risulta dall'insieme dell'analisi dei database per casi analoghi) anche se esiste la possibilità di un killer sadico;

il rapitore può essere un completo estraneo con tendenze pseudo pedifile, che ha agito preso da impulso o raptus improvviso, quanto una personalità più strutturata su aspetti rivolti a orientamento pedofilo (anche qui i database ci dicono che il rapimento di minori è ad opera di sex offenders occasionali o strutturati);

il rapitore può invece (e questa è la situazione più tipica), far parte del contesto in cui si muoveva Yara (la vittima, in generale), quindi una persona che ruotava nei suoi paraggi o che semplicemente aveva modo di incontrarla o vederla da vicino (nel 70% dei casi, il killer sessuale è un rapace che vive in prossimità della vittima, la conosce o addirittura cerca di frequentarla ed avvicinarla senza modalità cruente sul momento, anche se non sempre);

Dal momento che le modalità di rapimento non si conoscono, possono essere di due tipi:
l'agente ha attirato con un diversivo o stratagemma la vittima e l'ha trascinata in auto e quindi violentate e poi uccisa, di solito per strangolamento o soffocamento, o colpendola con sassi od oggetti a portata di mano, incluso il coltello:

l'agente la conosceva e quindi ha usato una strategia di avvicinamento più soft, per poi concludere nello stesso modo detto sopra.

Da ultimo, le manovre di sviamento: infatti, lo scopo, è di solito la violenza sessuale, dopodiché si presenta il problema del depistaggio o sviamento, cioè cercare di allontanare le tracce o i riferimenti tra sé e la vittima. Ogni azione finalizzata a questo scopo può essere

Vi mando all'articolo sul blog specialistico, in aggiornamento. Buona lettura.
http://fibromind.blogspot.com/2010/12/yara-gia-morta-ma-si-finge-speranza.html