I riots della porta accanto:Quello che la Rai non fa vedere.

La Tg3 della figlia di noto politico, non vi farà vedere neanche per scherzo questa
roba, che peraltro basta andare sul tubo e cliccare. Vi faccio una carellata molto sintetica di alcuni avvenimenti che vanno da proteste più o meno sensate a pareri sull'andamento della finanza. Naturalmente ci spieghiamo bene perché in Italia i giornali continuano a fare utili mentre in america sono alla canna del gas (finanziamento pubblico: 170 milioni di euri della Presidenza del Consiglio (leggi capo del governo) ai media nel 2012. Non male!


Allora, primo video, ambasciata greca di Portogallo


Atene-Qui c'è l'attacco ai soliti banksters, naturalmente di note origini (in tutto il mondo è così). NB, il filmato è stato fatto vedere anche alla rai ma non tutto.


Terzo video, si tratta di capire bene come lavorano i Black Bloc. Nel video vedete 10.000 ragazzotti che occupano Oakland pacificamente e vengono assaliti da questi BB.


Infine, almeno per ora, un video di una parte dell'intervista a Peter Schiff, l'analista finanziario indipendente che sulla Cnn ricoprì di cacca tutti gli analisti ed economisti, affermando che nel 2007 ci sarebbe stato il crollo dei mutui sub prime. Oggi, nel video e in altre interviste, Peter sostiene che la Cina si appresta a fare guerra finanziaria agli Usa, acquistando una quota sempre più imponente del debito americano (ormai straripante). Peter ha consigliato in questi mesi i suoi ascoltatori di vendere titoli usa e acquistare titoli cinesi (con ottimi risultati come sempre consegue chi l'ascolta).
Da quando do consigli su investimenti, stupisco sempre i miei interlocutori quando affermo che non seguo che lontanamente le contrattazioni giornaliere, e  quello che faccio è leggere dei buoni testi di filosofi orientali, poi il mio K. Popper, su cui ho fatto una tesi e altra gente che con la borsa non c'entra niente. 
Sembra strano ma la borsa si controlla attraverso poche decisioni in momenti cruciali: il resto non conta nulla, è solo movimento di scatoloni vuoti.