Alchimie politiche per le elezioni 2013

Una chiacchierata con il consulente strategico di Berlusconi ci fa capire chiaramente
che la PDL così come la conosciamo non funziona più e che si deve mettere mano ad una grossa rivoluzione nell'assetto strutturale della famigerata Casa dei Moderati.
Quello che già ora si sta mettendo in moto è da entrambi i due partiti che sostengono il governo Monti, la tremenda macchina delle associazioni (fondazioni, arci, acli, croci verdi, rosse, bianche e misericordie, e poi le cooperative e associazioni patronali, fino alle piccole associazioni culturali e di formazione), tutte ampiamente foraggiate dalla macchina partitico-politica di cui sono parte.

Insomma, più che su una macchina centrale, con i suoi terminali dislocati in ogni luogo, fino al paesino della Gallura, con sedi pagate dai contribuenti italici, si dislocherà il giochetto attraverso una miriade di associazioni di ogni e qualsiasi genere, in primis quelle del volontariato. 
Volontariato Spa e quello pret à porter, buono per ogni occasione, tanto pagano i contribuenti; si, pagano i contribuenti, dal momento che siamo pronti a farvi migliaia di esempi di associazioni onlus e fondazioni, dove tutti, ma proprio tutti, prendono soldi o a titolo di rimborsi spese forfettari, che mascherano un compenso, o in qualità di prestatori di servizi, consulenze eccetera. 

E' l'enorme macchina dell'Associazionismo, della Solidarietà, della Formazione, della Protezione, del Volontariato e della Cultura, che esplicata e declinata in ogni forma possibile
e anche impossibile, conta tra persone vere e quelle mezze vere e fasulle, decine di migliaia di persone, che vi ricorrono con le motivazioni più disparate (dalla difesa di propri interessi associativi alla partecipazione all'organizzazione della festa di paese a quella della macchina sanitaria e para-sanitaria, sociale e scolastica.

Pensate solo a questo semplice esempio: mettete che qualcuno voglia dar vita ad una associazione di cittadini con lo scopo di ritirare volontariamente i rifiuti ingombranti dalle case di persone anziane e impedite a farlo, consegnandolo, gratuitamente nelle aree previste per tali materiali. 
Dal momento che questo è un caso che conosciamo bene, possiamo dirvi come la faccenda va a finire, nella rossa e comunista Toscana. Finisce che l'Azienda Consortile che è preposta a tale incarico si rivela l'unico soggetto deputato a tale compito, e quindi i cittadini volenterosi sono interdetti dal farlo.
Stendiamo un velo pietoso sull'esito dello smaltimento e incenerimento dei rifiuti nella zona di Versilia, perché la vicenda meriterebbe un approfondimento che ovviamente a noi non compete in questo spazio web (ma che conosciamo bene in ogni dettaglio).

E badate bene, tutti voi lettori sapete che questa situazione di impasse per le iniziative associative dei cittadini, si replicano in molti altri settori della vita pubblica (pensate a dei volontari nel settore delle tossicodipendenze o dell'Handicap eccetera): sempre vi troverete la strada sbarrata dalle associazioni granitiche della macchina socio-politico-burocratica, che si ergeranno a uniche vere esclusiviste di tali attività, che svolgono spesso e volentieri in associazioni con le scuole, con i comuni e le province, per non parlare delle Asl.

Va bene, può darsi che l'emorragia di voti si arresti, ma certamente questa gente impegnata nella macchina socio-politico-para-volontaristica conta decine di migliaia di persone che sanno benissimo dove continuare a portare i loro voti. In definitiva, il mascheramento che sarà tentato con tutti i mezzi, non riiuscirà che a fermare il declino di consensi dei due ex grandi colossi politici (PdL e Pd), dal momento che i giovani e meno giovani in cerca di lavori facili quanto improbabili nella pubblica amministrazione sono ormai totalmente disillusi, e pur non meritando molto, non potranno che considerare inutile votare per le due grosse associazioni (che inevitabilmente sosterranno un governo di unità nazionale, questo è sicuro anche per il 2013 e seguenti). 
Finiranno per confluire su Grillo e su qualche altra creazione magari estemporanea, con il grosso che se andrà al mare il giorno delle lezioni.

Il risultato è semplice: PdL (o come si chiamerà allora) e Pd da soli conteranno almeno il 45% dei voti, e non potranno che mettersi d'accordo per un governo replica di Monti (false riforme, false liberalizzazioni eccetera, in base ad un copione già visto). Chiaro che al termine della strada ci sarà comunque il crollo definitivo dei due colossi d'argilla e dei conflitti di interessi di cui sono portatori (cooperative, professionisti, giornali e televisioni e molto altro ancora).
Comunque, non pensiamo neanche per sbaglio che la gente vicina a Grillo possa contare con convinzione più di un 8%! Ogni cifra in più è solo un voto di protesta o di scambio cercato, poi vedremo se anche trovato.
Caro Grillo, vuoi un parere? Si, bene allora eccolo, a gratis. A Parma, la cosa migliore è rimettere il mandato di sindaco e far venire un commissario come a Bologna alcuni mesi fa. La situazione è ingovernabile con mezzi ordinari.

Auguri e per adesso, buone vacanze, le nostre sono meritate e ben iniziate, dal momento che una settimana fa abbiamo acquistato un pacchettino di azioni Unicredit, a prezzi da fame e oggi si sono prese un bel 14%. Bel colpo! Centomila euri diventano centododicimila in un solo botto e non finisce qui, anche se magari lunedì ci sarà chi le venderà.