Matteo Renzi, tra alta finanza, nobiltà fiorentina e Compagnia delle Opere.

Che c'entrano tutti questi nomi, e ne dovremmo mettere anche altri, tra loro? C
i sono nessi, contiguità e relazioni di varia natura e origine?  Monsignor Betori è in ansia, in attesa di conoscere meglio la situazione.

Si tratta di notizie vecchie quanto il cucco, di nessun interesse, tanto più che ormai, la politica è dominata da personaggi che a vario titolo si rivelano dal punto di vista privato e sessuale, di orientamento gay, lesbo, bisex e altro ancora, se possibile. Fare l'outing in politica è divenuto una necessità, per l'ovvio motivo che da quel momento uno non è più attaccabile né politicamente, né sul piano personale (ricatti morali ed estorsivi).
Fiorello c'entra solo per il suo legame, cercato furbescamente con una falsa polemica da Mike, per la pubblicità congiunta che i due hanno rilasciato sul pubblico. Mike e Matteo, rimando all'intervista sotto, datata primo Aprile 2011, pesce d'Aprile? io la riporto come si legge dal sito del Riccardo Venturi (venturik) che la riprende da Il Reporter di Firenze, a suo dire.
Nota: Mike, al pari di Raffaella Carrà, sono due simboli del mondo gay-lesbo degli anni settanta, questo lo so per certo, a prescindere da qualunque altro elemento. La Nannini è fuori dal discorso perché lei si sente e definisce POLISESSUALE (al momento non è riportato in alcun manuale di orientamento sessuale e sessualità, magari lo scriveremo assieme, così ci faccio un poco di soldi).


iL Pesce del venerdì 1 aprile 2011

Clamorosi outing di Matteo Renzi: "Sono bisex e tifo Juve"

Clamorose dichiarazioni del sindaco di Firenze al mensile cittadino Reporter: "Mia moglie ha sempre
saputo tutto, ma è una donna dalla mentalità moderna e aperta; vorrei vedere la signora D'Alema come la prenderebbe". "Ho avuto una breve relazione con Mike ai tempi della Ruota della Fortuna". "La Fiorentina? Come sindaco la sostengo, ma il mio cuore è bianconero. Il mio idolo era Beppe Furino." Reazioni sconcertate in città; la lunga intervista sul numero di maggio del mensile distribuito gratuitamente a tutti i fiorentini.

- Guardi, le dirò con tutta la mia sincerità: sono bisex fin dalle mie prime esperienze sessuali. In questo, probabilmente, l'ambiente degli Scouts ha giocato un ruolo decisivo. Se finora non mi ero deciso a dirlo apertamente, è stato per non fornire facili appigli ai miei avversari esterni e interni in un paese ancora non avvezzo a queste cose, ed anche per tutelare la mia famiglia...lei capisce, con il ruolo politico che ho rivestito prima come presidente della Provincia di Firenze, e poi come sindaco a partire dal 22 giugno 2009, non ritenevo opportuno palesarlo....

- Si riferisce a Silvio Berlusconi?

- Non soltanto a lui, mi creda. Ma ora come ora non posso dirle altro...Però tengo a precisare una cosa: vorrei vedere come la prenderebbe, che so io, la signora D'Alema. O la signora Fassino se il marito le dicesse d'essere stato assieme a Marchionne.

- Torniamo a lei: come ha vissuto questa sua predilezione per entrambi i sessi nel suo ambiente, particolarmente in quello familiare?

- Certamente non potrei mai dirglielo, però da questo punto di vista decisiva è stata la mia partecipazione alla "Ruota della Fortuna", il quiz condotto dall'indimenticabile e compianto Mike Bongiorno....

- In che senso decisiva, mi scusi?

- Ho avuto con Mike una relazione, piuttosto breve ma molto appassionata. Mike passava per il campione del conformismo all'italiana, ma in realtà era una persona assolutamente ricettiva verso ogni tipo di esperienza, si veda ad esempio quando scalò il Cervino (era il Cervino, mi sembra...) per pubblicizzare la grappa Bocchino...non si facciano facili ironie, la prego...allora ero molto giovane, ma il pur breve legame con Mike mi ha fatto capire che la sessualità deve essere vissuta nel profondo, senza vergognarsene e anzi approfittando del senso di autentica completezza dato dalla bisessualità. Da questo punto di vista devo dichiarare di essere in piena sintonia, nonostante le ovvie differenze, con quella corrente giovanile...come si chiamano...