Napolitano, dopo aver gettato la maschera alla Tv tedesca, vara il Governo del Presidente.I Grandi Tramestoni al lavoro. Marta Grande coperta di fango.

Eccovi le nuove primizie, care amiche del blog: il nostro presidente (eletto da un parlamento di
nominati), dopo aver creato il mostro Monti (con incontri i cui partecipanti affluivano dai sotterranei sotto Montecitorio- se non lo sapete, sotto il Palazzo ci sono ingressi sotterranei per gli uomini di potere, fatevi una chiacchierata con Dagospia), ora si prepara alla sua nuova svolta anti crisi: il governo del presidente, con la nomina di una figura di alto (anzi altissimo) profilomoraleebia25 romano prodi
Mps, spunta la cattedra alla moglie di D'Alema a Siena.Linda Giuva insegnava
Archivistica nella sede distaccata dell'Università di Siena ad ArezzoMps, spunta la moglie D'Alema:  aveva la cattedra all'Università
e.
http://perdentipuntocom.blogspot.it/2013/01/napolitano-e-i-voli-low-cost-una.html

Chi sarà questa persona? Se veramente fosse uno come Grasso, ci sarebbe da scappare dall'Italia e quanto Travaglio va documentando è solo quello che risulta di ufficiale (altrimenti Grasso lo avrebbe sepolto di denunce) e noi ne sappiamo
almeno un paio di altre che non possiamo scrivere ma ne parliamo in chat. https://www.google.it/webhp?source
No, sembra che non sarà Grasso (troppo attaccabile dai Grillo, Travaglio, Bloggeristi come noi, che in questa fase storica contano quanto e più del Corrierone e di Repubblicona), quanto piuttosto una figura più defilata, uno dei soliti professori universitari, che magari hanno ricoperto cariche di presidenza presso qualche Antitrust inutile e truffaldina. Il prototipo sarebbe uno come Rodotà ta-ta-ta-ta-ta-tà, vi ricordate Striscia? 
Loro le chiamano uomini e donne delle istituzioni, ma altri li identificano come persone dell'establishment, quindi di quel giro solipsistico di furbetti e scaltrette, che zitte zitte assumono cariche elevate e importanti, senza aver preso nemmeno un voto e aver fatto un minuto di campagna elettorale. 
Ci provi, Presidente, e non dimentichi di farla senatrice a vita: per noi è come aspettare che il pesce ci finisca in bocca da solo, senza sforzi. Basta aspettare naturlamente. Poi qualcuno finirà per dover scappare sul serio però... e non siamo grillini ma gente che ragiona con la propria testa, come sempre.

Aggiorno ad oggi 29 mar.
Le voci su Franco Marini e Rodotà-tàtàtàtàtà, sono sempre più quotate..... Quindi sarebbero fuori, dal momento che sappiamo che si mettono i nomi da buttare...

31Marzo
Marco Travaglio scarica Grillo-M5S La doppia accusa "Potevate proporre premier condiviso" "Così avete spinto il nuovo inciucio tra Pd e Pdl" 

E bravo il nostro Travaglio, da vero ingenuotto di periferia, finge di non capire che il vero intento di Grillo è quello di favorire un nuovo inciucio, messo su da napolitano di nuovo e dai suoi consigliori, al fine di realizzare lo sfascio che costoro non tarderanno a realizzare con i loro mega conflitti di interessi incrociati.
Travaglio, mi ricordi Fabio Fazio e fingi di non capire che l'obiettivo di Grillo è di diventare maggioranza nel paese. Obiettivo che si può realizzare solo con un nuovo Grande Inciucio (governo di Larghe Intese, ex Convergenze Parallele dei tempi di Moro e Berlinguer, Grosse Koalitionen germanica eccetera), che porti a livelli drammatici la situazione di sfascio del paese con i veti incrociati che graveranno su un simile mostro politico.
Violante, Veltroni, Finocchiaro sono oggi i veri Grandi maestri delle Grandi Intese (per salvare il paese) ma per noi si legge Maestri dell'Inciucio (per sfasciare del tutto il paese). 
Manca solo Maurizio Costanzo & Sciò.


Io metterei un nuovo candidato premier, eccolo!|


Dal blog di Beppe Grillo riportiamo il curriculm di Vito Crimi.
Nato a Palermo e residente a Brescia da 13 anni. Impiegato presso il Ministero della Giustizia con la qualifica di Assistente giudiziario presso la segreteria di Presidenza della Corte d'Appello di Brescia.
Percorso di studi
Dopo la maturità scientifica, conseguita nel 1990 con il massimo dei voti, ho studiato presso la facoltà di matematica, interrompendo gli studi a metà avanzata per il servizio militare prima e successivamente per trasferimento a Brescia e inizio dell'attività lavorativa.
Altre attività formative
School of Politics e Policy - Gardone Riviera ottobre 2012 Corso professionale della durata di un anno di Esperto in servizi bancari e finanziari. Corso di Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza (ruolo che ricopro da 3 anni); Buona conoscenza della lingua inglese scritta, mediocre inglese parlato Nessuna pendenza giudiziaria, nessuna condanna, nessun procedimento né penale né civile mai avviato nei miei confronti.
Nessuna esperienza politica né alcuna carica pubblica
Dal 2007 nel Meetup Amici di Beppe Grillo di Brescia, con il quale ho collaborato nella realizzazione di innumerevoli iniziative, formative, informative, culturali, confronti, manifestazioni pubbliche, eventi di ogni tipo, ricorsi, ecc. Nel 2010 candidato alla Presidenza della Regione Lombardia per il MoVimento 5 Stelle In ultimo ho coordinato l'organizzazione della 1^ Festa 5 Stelle a Brescia della durata di 5 giorni (agosto/settembre 2012) che ha visto la partecipazione di migliaia di persone.

Marta Grande: la grillina presidente della Camera?

 Due lauree, 25 anni, 335 voti alle parlamentarie. Presto sullo scranno di Monte Citorio in caso di accordo con il Pd. Laureata nel 2009 in Lingue e commercio internazionale in Alabama (a Huntsville), è tornata in Italia nel 2010, ha preso un master in Studi europei e ora sta prendendo la seconda laurea, in Relazioni internazionali, a Roma Tre. Le manca solo la discussione della tesi. Nel frattempo è stata all’università di Pechino, per un corso in relazioni internazionali, ha fatto la traduttrice e l’interprete. Infine, la volontaria, nel settore marketing, a Greenpeace per il referendum sul nucleare.


M5s, Marta Grande assiste a un pestaggio contro bengalese e chiama la polizia


Pubblicato il 3 aprile 2013 10.18 | Ultimo aggiornamento: 3 aprile 2013 10.22

Insomma, cara dottoressa e futura presidentessa della repubblica, Capo del governo eccetera: io ho un metodo infallibile per classificare il peso intellettivo di una persona, per valutarne la sua cilindrata e potenza. Sa qual è? Si che lo sa, almeno se è stata in America: il Q.I. Se lei supera il valore di 160 si comincia a piazzare nella parte di curva a campana, riservata all'eccellenza. Se poi raggiunge i 180-190, sarò più che convinto non solo che è enormemente più intelligente di me, e non ci vuole molto, dal momento che il mio Q.I. è di 134, una roba assai comune tra ricercatori, ma che lei ha certamente una marcia in più in confronto al 99,9% di tutti quelli che incontra per strada, compresi i grillini, persino uno come Crimi. E da un Q.I. di tale livello, ci aspettiamo grandi cose, mi creda e le restano almeno altri 25 anni per dimostrarlo. Un consiglio, da esperto: si tenga lontana dal sole...


Qualcuno titolerà questo pezzo: Marta Grande e le secchiate di fango dei fascisti.

(A da venì, baffone..).

 Mi chiedo, chi cavolaccio ha compilato su wiki il profilo curricolare della nostra genia in versione grillino? E soprattuto, chi ha apportato tutte le modifiche cui abbiamo assistito in una escalation da valanga? Sappiamo da tempo, (noi) che wikipedia ha purtroppo delle possibili falle e una delle principali è che non esiste un registro dichiarato e consultabile di tutti coloro che scrivono e modificano i titoli, che poi sono a tutti gli effeti dei post come altri milioni.
 Questa è la falla che (per noi, si dico, quelli del nostro gruppo), non ci ha mai permesso di fare affidamento su wikipedia, specchio puntuale e preciso di tanti fenomeni della R E T E o WEB: l'essere proteiformi, manipolabili, spesso anonimi o anonimizzabili e intrecciati, commisti, contaminati con molti altri elementi. Nessun ricercatore serio (ripeto, serio) si sogna di inserire una citazione di wikipedia in uno studio o ricerca che meriti la qualifica di scientifica. 
Vedere per credere: portatemi uno studio pubblicato su una rivista scientifica veramente indipendente (ed oggi sono poche e non fatevi trarre in inganno dal loro passato prestigioso: hanno finito per vendersi al miglior offerente anche loro e Marsha Angel ce l'ha spiegato bene), dove i ricercatori inseriscono citazioni da wikipedia o da altri siti simili, per quanto privi di pubblicità. A proposito, sapete come sopravvive wikipedia? Aspettando, di volta in volta che qualche miliardario faccia una donazione di qualche milionata di euro (da detrarre dalle tasse). Che se aspettasse il popolino, compresi i grillini, wikipedia sarebbe già defunta da anni.

Aspetta, aspetta, che forse anche sulle due o tre lauree e master vari a 25 anni, con la faccetta di una radicalscioc, tipica delle ragazzette che vedo girarmi  attorno all'università, tutte decise, precise, scelte chiare, nette, forse a volte, pare, boh! Aspetta. aspetta... e vediamo meglio.

Marta Grande sotto attacco di Libero e il Giornale per le lauree all’estero. I due quotidiani indagano sulla faccenda dei titoli di studio, a quanto pare considerati non validi in sede di registrazione alla Camera, ma anche del curriculum, pericolosamente modificato (secondo quanto scrive Enrico Paoli sul quotidiano di Belpietro) ieri durante le ricerche dei giornalisti. Il titolo di studio conseguito in Usa corrisponde comunque alla laurea triennale in Italia. Il titolo di Libero:
marta grande laurea
Scrive Paoli, che ha ricostruito la vicenda:
Procediamo con ordine. Sito del Movimento 5 Stelle, sezione dedicata agli eletti alla Camera: «Sono nata a Civitavecchia dove ho conseguito il diploma scientifico; mi laureo nel 2009 in lingue e commercio internazionale presso l’Università dell’Alabama in Huntsville. Successivamente, tornata in Italia, conseguo un Master in Studi Europei. Attualmente mi sto laureando in Relazioni Internazionali presso l’Università di Roma Tre». E ancora: «Nell’estate 2012 seguo un corso in relazioni internazionali alla Peking University in Cina, in particolare sulla transizione di potere a livello internazionale, il declino occidentale e le nuove relazioni internazionali del ventunesimo secolo».
Questi sono lo stamp e la copia cache della pagina:
A questo punto Enrico Paoli cerca su Wikipedia:
La pagina a lei dedicata, alle 13.43 di ieri (l’ultimo aggiornamento è delle delle 10.13 del 14 marzo2013)afferma cheladeputata grillina è in possesso del seguente titolo di studio: «Laurea in lingue e commercio internazionale ». Secondo la nota biografica, in realtà, si tratta di un «Bachelor of Art», un diploma universitario e nulla più. Parliamo con la diretta interessata che conferma la laurea. Torniamo su Wikipedia, allora. E qui arriva la sorpresa. La pagina, alle 14.59 del 14marzo 2013, è stata completamente modificata e la laurea è sparita. Alla voce «Titolo di studio» c’è solo «Bachelor of Arts in Foreign Languages and International Trade». Nelle note qualche dettaglio in più. «Dal 2007 al 2009, a Huntsville negli Stati Uniti d’America, ha frequentato il Corso Flit – Foreign Languages and International Trade (Corso di Lingue straniere e commercio internazionale)» e nel nel 2009 consegue il relativo «Bachelor of Arts, diploma universitario ». Che non è una laurea, masolo un corso biennale. L’uni – ca certezza è che, dal 2010, sta frequentando il «Corso di laurea magistrale in Relazioni internazionali presso la Facoltà di Scienze politiche, dell’Università degli Studi Roma Tre». Beh, per una che Repubblica aveva già beatificato come la nuova Pivetti, una bella bocciatura. Con o senza laurea, come insegna Oscar Giannino. Modesto inciso: la pagina di Wikipedia dedicata a Marta Grande è stata modificata ieri sera 19.37
Questa è la cronologia delle modifiche su Wikipedia:
marta grande laurea wikipedia

Scrive invece il Giornale:
Il suo curriculum parlava chiaro e addirittura metteva in soggezione chi l’avesse scorso: «Mi laureo nel 2009 in lingue e commercio internazionale presso l’università dell’Alabama in Hunstville. Successivamente, tornata in Italia, conseguo un master in studi europei nel 2010 e attualmente mi sto laureando in Relazioni internazionali presso l’università RomaTre. Nell’estate del 2012 seguo un corsa di relazioni internazionali alla Peking University in Cina, in particolare sulla transizione di potere a livello internazionale ». Chi ascolta è sballottato come un turacciolo fra master, lauree, studi specialistici. Come l’ennesima tesi, in svolgimento nella Capitale, in«storia della politica internazionale contemporanea». Ma tutte queste medaglie appuntate sul petto non bastano per potersi fregiare di quel titolo di studio chiamato laurea. Uno scivolone,anzi un doppio ruzzolone, che le costerà caro.
Concludo, dicendo che molto meglio allora un curricolo come quello della psicologa e criminologa allieva del grande professor (non professor) Massimo Picozzi, dottoressa (per ora, poi vedrete che spunterà il prof), Margherita Carlini, il cui curriculum si riduce ad una misera laurea presso università non di spicco, e un master post laurea (certamente dove c'era dentro il dio della criminologia televisiva e non, M. Picozzi) Vale la pena (o non vale la pena?) citare la bocciatura ad un concorso per ricercatrice universitaria, sempre presso università a mio avviso non certo di notevole notorietà, quanto una delle università disseminate sul nostro territorio, senza infamia e senza lode, mai notata per qualche evento di spicco.
http://psicov.blogspot.it/2013/04/margherita-carlini-altra-criminologa-da.html


Bersani ormai, totalmente alla farsa finale; sono pronto a mandare avanti il paese, sono qui però, pronto a varare il governo, senza il Pdl e Lega. Aspetta con quelli del Sel, miseramente falliti dopo gli esploit di fine Dicembre, che arrivino le truppe cammellate di Mastella e Monti: aspetta e spera.
Annunci Google