l film di Veltroni, il primo di una lunga serie della famiglia WV.

Non ho visto il film di Veltroni, ma sappiamo che alla prima c'era tutta la Roma allo champagne della sinistra al caviale. In compenso, non mi farò mancare le opere prime delle figlie del Veltroni, che prima o poi da New York, sbarcheranno anche a Roma e faranno sfaceli in televisione e al cinema e magari anche con i libri. Libri con cui Veltroni ha potuto comperare un bell'appartaamento a New York per le figlie.
L'allievo del grande regista e soggettista Ettore Scola, ultra intellettualone della sinistra cinematografara capitolina, può anche vantare di aver sbattuto fuori dalla sezione della Fgci, chiamato da Ghini e Scarpati, il povero Minzolini, che aveva già idee non conformi con la linea ferrea della direzione berlingueriana.
Non mi preoccupo dei soldi necessari per realizzare il film di Veltroni, perché sappiamo tutti che i film sono roba privata, i cui incassi finiscono nelle tasche di gente privata... spero. Ma poi ci somno i 5 stelle a controllare e a informarci no?